Genova, 20 Ottobre 2017 12.23





 
NARRATIVA

 

Narrativa

20
MARZO
2013
Articolo letto 2730 volte

Montallegro-copertina

 

Il primo di questi racconti, che dà il titolo alla serie, racconta una storia d’amore: quella fra la Santissima Vergine Maria e la città di Rapallo.

Anche gli altri racconti, in gran parte ambientati in Liguria (Genova e Savona, oltre che, occasionalmente, a Milano, in Germania e in Inghilterra), sono svergognatamente cattolici e offensivi per il sacro laicismo e per la rampante tirannia relativista.


20
MARZO
2013
Articolo letto 2648 volte

img094_copia.jpg

 

L’avvento dell’anticristo e la fine del mondo: che temi allegri. Roba dell’altro mondo, proprio. Roba da fare scongiuri o da sbellicarsi dal ridere? La sindrome millenaristica, che di quando in quando attanaglia molta gente, è giustamente motivo di ilarità, specie quando deriva da fisime neopagane, come i calcoli basati sui calendari Maya, le elucubrazioni New Age ed altre ciarlatanerie. Ma spaventare la gente rende, ed ecco perché tanti ne scrivono.

Bisogna allora dire due cose. Primo: non ci sono dubbi, succederà; tutte le religioni monoteistiche dicono chiaramente che il mondo è destinato a finire; lo stesso, con linguaggio diverso, dice la scienza. Secondo: non sappiamo quando avverrà, ma non è affatto imminente; non vedranno niente di simile né i nostri bisnipoti né i bisnipoti dei nostri bisnipoti, e via di generazione in generazione. Perciò riponete i cornetti e i ferri di cavallo e godetevi questo racconto.


29
GENNAIO
2012
Articolo letto 3731 volte

img735

Acquistabile in forma cartacea nelle librerie Fede & Cultura

a Verona, Riva del Garda e Napoli,

come pure agli indirizzi www.fedecultura.com e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ordinabile presso tutte le librerie.

Quattro commedie giudiziarie, ambientate in un terra fantastica che simboleggia lo spirito umano. Valenti avvocati che si battono per portare alla luce il seme sepolto della verità. È questo il quadro narrativo che viene precisandosi da un episodio all’altro, finché il pubblico accusatore, il nemico, il persecutore, affascinato da Petra, la Pietra immortale, la Santa Madre, personificazione della Chiesa, si converte e crede. Anche lui è il seme sepolto, il peccatore che alla fine trova la Fede e si prepara ad affrontare la via crucis della salvezza.


29
GENNAIO
2012
Articolo letto 1657 volte

img733

Acquistabile in forma cartacea nelle librerie Fede & Cultura

a Verona, Riva del Garda e Napoli,

e agli indirizzi www.fedecultura.com e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Ordinabile presso tutte le librerie.

STORIE DI APARTHEID E AMORE IN SUD AFRICA

Recensione di Maria Luisa Bressani su Il Giornale, 4 gennaio 2012

Emilio Biagini pubblica con “Fede & Cultura” un’altra delle sue opere sempre spiazzanti anche per un lettore accanito: La Nuova Terra. Un romanzo che nella postfazione Luciano Cau dell’Università di Cagliari accosta a “I promessi sposi, il più grande romanzo della letteratura italiana”. Giudizio acuto perché il romanzo di Biagini s’incentra su una grande storia d’amore con una forte difesa dei principi cristiani e il linguaggio rispecchia l’immediatezza dei sentimenti come in questa frase del ritrovarsi dopo un distacco: “Si abbracciarono come due redivivi appena sopravvissuti a un disastro minerario”.

Il don Rodrigo di turno è l’Apartheid in Sud Africa, anni settanta del ‘900. Il grande amore sboccia tra un giovane bianco e una meticcia. Jan, da ragazzo, per una banale malattia al fegato che gli ha causato un colore più scuro, ha rischiato la riclassificazione a “sangue misto”. Da allora ha concepito per loro una diversa comprensione. Maria, l’innamorata, si sbianca la pelle con pomate. Ricordate la stessa ossessione di Michael Jackson? Per lei non è un’aspirazione estetica, ma necessità: le leggi impedivano i matrimoni misti e l’immoralità, cioè la trasgressione con persone di sangue diverso. Nel loro viaggio di nozze scopriranno lo Swaziland terra di peccatori con prostitute nere da parte di seri sostenitori dell’Apartheid.

Il romanzo, gran libro di storia, descrive l’emarginazione dei sangue misti e inizia con una drammatica pagina in cui una serva negra è stata ingravidata dal padrone e il bastardo ne porterà il nome: “Nessuno schiavo aveva un cognome di sua scelta, e del resto a che serve un nome se si è schiavi? ‘Ehi tu’ o ‘cane’ o ‘lurido hotnot’ sono più che sufficienti”.

Nel 1834 il governo britannico avrebbe abolito la schiavitù causando le ire dei coloni Afrikaner che in molti emigrarono nell’interno, fondando le repubbliche boere, ma poiché “le leggi non possono cambiare il colore della pelle” nelle generazioni successive vi sarebbero stati van der Ross bianchi come Jan e van der Ross meticci come Maria, senza contare che tra i presunti bianchi per genetica poteva rispuntare un figlio di colore. La separatezza tra bianchi e neri si avvale anche della religione. Tra i neri aveva avuto larga diffusione la religione islamica incoraggiata dai proprietari di schiavi per poterne continuare il commercio dopo che nel 1770 una legge proibì la vendita di schiavi cristiani, scoraggiando il proselitismo e le conversioni.

Non a caso, “il matrimonio che non s’aveva da fare” viene celebrato con rito islamico, grazie ad un’amicizia di Jan. Contro i nostri attuali pregiudizi conosciamo nel Sud Africa di allora un Islam diverso, non terrorista o assetato di potere anche a costo di versar sangue, ma aperto a pacifiche convivenze con le altre religioni. Alla festa di nozze si bene vino perché quegli islamici nell’intimità della casa non prendevano troppo sul serio le noiose prescrizioni del Corano che vietano di berlo.

In questo affascinante romanzo, che per modernità a me sembra idoneo accostare a Hemingway, rivoluzionatore della scrittura in senso giornalistico, risalta una scrittura agguerrita della storia. Come puntualizza bene Cau è “il percorso verso un progetto di inesorabile conquista dell’Europa da parte dell’Islam”. Non manca la critica a quella nostra Chiesa del dialogo ben rappresentata dalle parole del parroco cattolico Wilson a città del Capo: “Adulterio, controllo delle nascita, aborto, aberrazioni sessuali? Dialogo. Rapina e assassinio? Dialogo. Caino ha ammazzato Abele? Dialogo. E Abele? Peggio per lui. Si trovò al posto sbagliato nel momento sbagliato”.

Nel libro anche una sorgiva poesia come nella pagina in cui Jan sogna di cercar conchiglie con il padre (medico che nel diario lasciato al figlio si arrovella di aver curato i ricchi e non aver portato sollievo ai più bisognosi). Il padre gliele accosta all’orecchio e ci sembra di sentirle. Ci parlano d’infinito, del mare “che non ha archivi”, che è stata prima “identità d’amore” tra Jan e Maria.

Ci affascinano i paesaggi africani. Biagini, ordinario di Geografia all’Università di Cagliari, ha tre lauree, conosce cinque lingue tra cui Afrikaans perché negli anni settanta ha soggiornato in quell’Africa descritta con tanta sapienza. Sul sito www.itrigotti.it (che tiene con la moglie Maria Antonietta) ha pubblicato Is God een Moloch? Antologia della poesia nederlandese e afrikaans. Un suo recente testo universitario Ambiente, conflitto e sviluppo ha suscitato reazioni isteriche nella “palude universitaria”.
Nella postfazione (che cito ancora perché illuminata e illuminante) è definito: “Una vita spesa per affermare laverità” e “uomo di esperienze letterarie e culturali letteralmente sconfinate”.


I TRIGOTTI

CHI SIAMO?
Ve lo diciamo in lingua matematica
t=b(1+1/2)=3m

E' necessaria una precisazione:
e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

 
I nostri articoli sono stati letti
volte
 
RICERCA

Per effettuare una ricerca interna al sito:

 
ULTIMO ARTICOLO
  • PECCATI DELLA CHIESA

     

    Il saggio di Rodney Stark False testimonianze, Come smascherare alcuni secoli di storia anticattolica, è stato qui recensito, nella sezione “Aquile e vipere-Libri”. In quella recensione abbiamo rilevato diverse inesattezze, che però non inficiano il valore d’insieme del libro. Anzi, vogliamo proporre una sintesi di ciascuno degli argomenti trattati dallo Stark, per lo più inserendo citazioni dei brani originali, onde mettere meglio in evidenza le profonde ingiustizie inflitte alla Chiesa dalla cosiddetta “kultura” laica.

     

    I PECCATI DI ANTISEMITISMO

    “(…) l’ostilità nei confronti degli ebrei probabilmente ebbe vita propria, un’ostilità le cui radici erano di epoca classica e si rifacevano al persistente esclusivismo ebraico.” (p. 25). [E al tenace disprezzo che gli ebrei manifestavano verso tutti gli altri.]

    Leggi tutto...

 
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it