Genova, 22 Aprile 2018 14.29





 
HUMANAE LITTERAE

 

Humanae Litterae

20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 4659 volte

VALTORTA M. (1985) I quaderni del 1944, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Quaderni_1944.jpg

 

Il volume raccoglie i dettati e le visioni di un anno particolarmente intenso per Maria Valtorta, specie per la stesura di quello che oggi è chiamato L’Evangelo come mi è stato rivelato. Molte spiegazioni soprannaturali impartitele dal Divino Maestro approfondiscono la materia trattata ne L’Evangelo. Vi sono inoltre preziose visioni di vita nei primi secoli, specie scene di martirio, lezioni di altissima teologia e varie visioni della vita di Gesù che saranno poi riscritte con maggior cura e inserite nell’Opera. Gesù è per Maria Maestro e Padre, ed è felice di esserlo. Lei è come una scolara, buona, fiduciosa e attenta. Nei dettati è attentissima a scrivere tutto, mentre nelle visioni deve badare a non farsi sfuggire nulla, perché ogni dettaglio è importante, e sono dettagli di Cristo. Una riprova dell’autenticità delle visioni è che umanamente lei dovrebbe essere morta da tempo; è Cristo che la tiene in vita annullando il suo stato di inferma, nel quale ripiomba dopo aver servito Lui, scrivendo ciò che Egli le detta o le mostra nelle visioni. Maria Valtorta deve lottare col maligno che cerca di persuaderla che le visioni sono larve del suo cervello turbato (proprio quello che diranno i dottori difficili). Ripetutamente Cristo si scaglia contro le vane curiosità dei dottori del cavillo che pretendono particolari per verificare se lei dica il vero o no.

 

Leggi tutto...


20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 4130 volte

VALTORTA M. (1985) I quaderni dal 1945 al 1950, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Quaderni_1945-50.jpg

 

Il volume raccoglie dettati e visioni avute nell’arco di sei anni, durante i quali la Valtorta completò la stesura della rivelazione de L’Evangelo come mi è stato rivelato, e ricevette le lezioni che formano i volumi con i commenti dell’angelo custode Azaria alle Messe domenicali, poi pubblicati come Libro di Azaria, e le stupende Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani. I dettati e le visioni di questo volume e dei due precedenti (del 1943 e del 1944) sono quanto resta dopo la separata pubblicazione di tali opere maggiori. Nonostante ciò, non sia tratta affatto di frammenti insignificanti. Quello che resta è un diario spirituale di altissimo livello, con dettati teologici di straordinaria profondità, e che documenta da un lato l’eccezionalità della sua esperienza mistica, dall’altro la vera e propria Passione da lei sofferta per la superbia, l’ignavia, l’ipocrisia dei consacrati che più avrebbero dovuto sostenerla. Le ultime parti del volume contengono il parallelo tra le Passioni di Gesù e della Valtorta, dettate dallo stesso Gesù; e lo stupendo e ispirato commento all’Apocalisse; queste parti, per la loro importanza, sono recensite separatamente. Il disordine cronologico del volume non è stato corretto per non distruggere la coerenza di taluni gruppi di dettati, come le “Direzioni”.

 

Leggi tutto...


20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 1802 volte

VALTORTA M. (2010) Santi e non santi, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Santi_e_non_santi.jpg

 

Questa antologia, curata da Emilio Pisani e Claudia Vecchiarelli, di scritti valtortiani tratti da diverse opere (L’Autobiografia, L’Evangelo come mi è stato rivelato, i Quaderni del 1943, del 1944 e dal 1945 al 1950, Il libro di Azaria, le Lezioni sull’Epistola ai Romani, i Quadernetti) ha lo scopo di raccogliere i dettati del Divino Maestro alla Valtorta su come i sacerdoti dovrebbero essere e su come realmente sono.

 

Leggi tutto...


23
LUGLIO
2013
Articolo letto 1785 volte

LA GLORIA DI MARIA VALTORTA

Al termine di una rilettura del sublime commento teologico alle Messe festive, noto come di Libro di Azaria, dal nome dell’angelo custode che ne dettò le lezioni a Maria Valtorta, ritengo utile qualche riflessione non sul testo (ciò che sarà fatto più avanti), ma sulla santità della veggente.


 

Un mese e mezzo dopo l’ultima lezione, che è del 2 febbraio 1947, la Valtorta, il 16 marzo, descrive le dolcezze e promesse ricevute da Gesù. Il Divino Maestro le appare col S.S. Cuore scoperto, tutto circondato di fiamme, più luminoso dell’oro, le fa bere il Suo Sangue che è come miele, più inebriante di un balsamo, mentre le fiamme le carezzano i capelli, dolci e fresche come vento d’aprile. Mentre gusta queste sensazioni soavi, conserva tutte le sue facoltà, può riflettere, analizzare e ricordare. E Gesù le dice: “Ecco: in questo differisce ogni fuoco, anche quello purgativo, dal mio fuoco. Perché questo mio è di carità perfettissima e non fa male neppure per fare del bene. E questo è il fuoco che io serbo per te. Questo solo. Ecco ciò che è parte del mio amore. Fuoco che conforta e non brucia, luce, armonia, carezza soave. Ecco ciò che per te è il mio sangue: dolcezza e forza. Ed ecco ciò che io faccio per te, a compensarti degli uomini. Ti spremo il mio sangue come una madre fa col latte al suo nato, tu, figlia mia! Così Io ti amo.”

La visione si ripete giornalmente e Gesù vi aggiunge che quello sarà già sulla terra il premio del suo fedele servizio e dopo sarà l’unione perfetta. Il 14 marzo, cinquantesimo compleanno di M.V., dopo una visione di Gesù che andava cantando i salmi sulla via di Gerusalemme, lei pensa tristemente che, finito il Vangelo, non l’avrebbe più sentito, ma Egli Le appare dicendo: “Perché dici questo? Puoi pensare che Io te ne privi perché tu hai ultimato il lavoro? Io sempre verrò. E per te sola. E sarà ancora più dolce, perché sarò tutto per te. Mio piccolo Giovanni, fedele portavoce, non ti leverò nulla di quello che tu hai meritato: vedermi e sentirmi. Ma anzi ti porterò più sù, nelle pure sfere della pura contemplazione, avvolta nei veli mistici che faranno tenda ai nostri amori. Sarai unicamente Maria. Ora dovevi essere anche Marta perché dovevi lavorare attivamente per essere il portavoce. D’ora in poi contemplerai soltanto. E sarà tanto bello. Sii felice. Tanto. Io ti amo tanto. E tu mi ami tanto. I nostri due amori!... Il Cielo che già ti accoglie. Viene la bella stagione, o mia tortorella nascosta. E Io verrò a te fra il vivo profumo delle vigne e dei pometi e ti smemorerò del mondo nel mio amore...” (corsivo nel testo). E Maria Valtorta, evidentemente in estasi, conclude che “non si può dire ciò che è questo!”

Una santa giunta a queste altezze evidentemente non ha bisogno della sanzione clericale di una beatificazione: lei stessa faceva dell’ironia sul “padellino”, l’aureola intorno al capo dei santi che si vede nei quadri. Lasciamo pure che i grandi dignitari della Chiesa canonizzino i loro colleghi e trascurino le piccole, insignificanti “voci” degli umili. In verità non serve più, ormai, l’Imprimatur: l’Opera valtortiana corre il mondo ugualmente, suscitando ovunque conversioni (e questa è la prova più forte della sua vera origine).

Allora l’Imprimatur e la beatificazione di M.V. sarebbero inutili? No. Un Imprimatur dato in modo sollecito avrebbe permesso di far giungere l’Opera più tempestivamente alle anime e a convertirle, per fare argine alla tremenda ondata di ateismo del secolo XX, che i chierici non hanno saputo constrastare. Bbasti pensare alla consacrazione della Russia al Sacro Cuore di Maria, richiesta dalla Santa Vergine a Fatima, che fu ritardata di settant'anni, permettendo al cancro ateo di dilagare indisturbato.

Una maggior carità verso la "portavoce" sarebbe servita anche a dissetare le povere anime aride dei negatori, dei superbi, degli invidiosi che hanno invece perseguitato la Valtorta e continuano a perseguitarne la memoria, a negarle il riconoscimento della sua santità, a bestemmiare la Parola da lei ricevuta rifiutando di riconoscerne la vera origine. L’ostinazione dei chierici che rifiutano l’immenso tesoro valtortiano non toglie neppure una scintilla alla gloria del Paradiso, e a quella di Maria Valtorta in particolare, ma impoverisce loro quaggiù, e quindi l’intero gregge, che forse potrebbe essere curato un po’ meglio, secondo l’esempio del Buon Pastore.

 EMILIO BIAGINI


I TRIGOTTI

CHI SIAMO?
Ve lo diciamo in lingua matematica
t=b(1+1/2)=3m

E' necessaria una precisazione:
e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

 
I nostri articoli sono stati letti
volte
 
RICERCA

Per effettuare una ricerca interna al sito:

 
ULTIMO ARTICOLO
  •  WHAT FOREIGN COUNTRY WOULD YOU LIKE TO VISIT?

    A DIALOGUE BETWEEN TWO ITALIAN FRIENDS

    Tell me, Fulgenzio, why did once go so often to Britain, and now you're going there no longer?

    You see, Terenzio, my English friends told me with great satisfaction that their beloved son had “happily crowned his love dream” with a male friend, and their darling daughter had gone to live in sapphic fashion with a girl friend; and I kept silence because I knew they would not understand my disgust for such behaviour. They would have thought I only was hankering after God knows what obsolete moral prejudices. They are sunk into such a morass of relativism that "good" and "evil" are for them but meaningless words; they are unable to understand that moral laws are for all times and all peoples, because God gave them, they are engraved into every human heart, and no man can change them. Then I read about the indiscriminate hospitality of the London government to islamic terrorists, while the same government rejects Catholic refugee nuns from Syria. I also read that muslim men systematically attack and rape English women and the press is being ordered to understate such news as much as possible: what a splendid exhibition of justice and courage! The absurd claim that islamic immigration could coexist with secularized morals, i.e. with feminism, homosexualism, relativism, atheism, environmentalism etc. begins to show its irreducible contradiction. Finally, British doctors have begun, in pure Nazi fashion, to kill sick babies they were unable to cure, and they got "moral" support from the local clergy. At that point I decided that, if I had to visit a foreign country, it was far better for me to go to Russia.

     

    You're not English anymore, but Anglonazis. You make me vomit.

    Leggi tutto...

 
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it