Genova, 22 Luglio 2018 10.46





 
HUMANAE LITTERAE

 

Humanae Litterae

20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 2911 volte

VALTORTA M. (1985) I quaderni del 1943, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Quaderni_1943.jpg

 

I Quaderni di Maria Valtorta sono in tutto 129, di cui 7 formano l’Autobiografia. Gli altri 122 contengono l’Opera (dettati e visioni, intercalati da rare notazioni personali della stessa Valtorta), pubblicata dapprima col titolo Il Poema dell’Uomo-Dio, poi mutato in L’Evangelo come mi è stato rivelato, e inoltre i dettati dell’angelo custode Azaria sulle Messe domenicali, pubblicati come Libro di Azaria e le profondissime Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani. Tolti questi capolavori, la notevole mole di materiale residuo, è stata raccolta dal benemerito Editore Pisani in tre volumi, uno per il 1943, uno per il 1944 e uno dal 1945 al 1950. Si tratta di commenti al Vangelo, visioni di santi e martiri, ammonimenti alla Chiesa e all’umanità, istruzioni alla Valtorta sulla gestione dell’Opera, il parallelo fra la Passione di Gesù e quella della stessa Valtorta (perseguitata, come solitamente avviene ai grandi mistici nella nostra epoca, dalla gerarchia ecclesiastica), e il commento dell’Apocalisse. Questi due ultimi fondamentali scritti vengono recensiti a parte. Parimenti vengono recensiti a parte gli scritti sulla condizione del sacerdozio cattolico, editi sotto il titolo Santi e non santi. La presente edizione segue la sequenza numerica dei quaderni che non corrisponde esattamente all’ordine cronologico dei dettati e delle visioni. Quella che segue è una sintesi dei principali temi trattati, posti nella corretta sequenza cronologica.

 

Leggi tutto...


20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 4824 volte

VALTORTA M. (1985) I quaderni del 1944, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Quaderni_1944.jpg

 

Il volume raccoglie i dettati e le visioni di un anno particolarmente intenso per Maria Valtorta, specie per la stesura di quello che oggi è chiamato L’Evangelo come mi è stato rivelato. Molte spiegazioni soprannaturali impartitele dal Divino Maestro approfondiscono la materia trattata ne L’Evangelo. Vi sono inoltre preziose visioni di vita nei primi secoli, specie scene di martirio, lezioni di altissima teologia e varie visioni della vita di Gesù che saranno poi riscritte con maggior cura e inserite nell’Opera. Gesù è per Maria Maestro e Padre, ed è felice di esserlo. Lei è come una scolara, buona, fiduciosa e attenta. Nei dettati è attentissima a scrivere tutto, mentre nelle visioni deve badare a non farsi sfuggire nulla, perché ogni dettaglio è importante, e sono dettagli di Cristo. Una riprova dell’autenticità delle visioni è che umanamente lei dovrebbe essere morta da tempo; è Cristo che la tiene in vita annullando il suo stato di inferma, nel quale ripiomba dopo aver servito Lui, scrivendo ciò che Egli le detta o le mostra nelle visioni. Maria Valtorta deve lottare col maligno che cerca di persuaderla che le visioni sono larve del suo cervello turbato (proprio quello che diranno i dottori difficili). Ripetutamente Cristo si scaglia contro le vane curiosità dei dottori del cavillo che pretendono particolari per verificare se lei dica il vero o no.

 

Leggi tutto...


20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 4269 volte

VALTORTA M. (1985) I quaderni dal 1945 al 1950, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Quaderni_1945-50.jpg

 

Il volume raccoglie dettati e visioni avute nell’arco di sei anni, durante i quali la Valtorta completò la stesura della rivelazione de L’Evangelo come mi è stato rivelato, e ricevette le lezioni che formano i volumi con i commenti dell’angelo custode Azaria alle Messe domenicali, poi pubblicati come Libro di Azaria, e le stupende Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani. I dettati e le visioni di questo volume e dei due precedenti (del 1943 e del 1944) sono quanto resta dopo la separata pubblicazione di tali opere maggiori. Nonostante ciò, non sia tratta affatto di frammenti insignificanti. Quello che resta è un diario spirituale di altissimo livello, con dettati teologici di straordinaria profondità, e che documenta da un lato l’eccezionalità della sua esperienza mistica, dall’altro la vera e propria Passione da lei sofferta per la superbia, l’ignavia, l’ipocrisia dei consacrati che più avrebbero dovuto sostenerla. Le ultime parti del volume contengono il parallelo tra le Passioni di Gesù e della Valtorta, dettate dallo stesso Gesù; e lo stupendo e ispirato commento all’Apocalisse; queste parti, per la loro importanza, sono recensite separatamente. Il disordine cronologico del volume non è stato corretto per non distruggere la coerenza di taluni gruppi di dettati, come le “Direzioni”.

 

Leggi tutto...


20
OTTOBRE
2013
Articolo letto 1944 volte

VALTORTA M. (2010) Santi e non santi, Isola del Liri, Centro Editoriale Valtortiano

 

Santi_e_non_santi.jpg

 

Questa antologia, curata da Emilio Pisani e Claudia Vecchiarelli, di scritti valtortiani tratti da diverse opere (L’Autobiografia, L’Evangelo come mi è stato rivelato, i Quaderni del 1943, del 1944 e dal 1945 al 1950, Il libro di Azaria, le Lezioni sull’Epistola ai Romani, i Quadernetti) ha lo scopo di raccogliere i dettati del Divino Maestro alla Valtorta su come i sacerdoti dovrebbero essere e su come realmente sono.

 

Leggi tutto...


I TRIGOTTI

CHI SIAMO?
Ve lo diciamo in lingua matematica
t=b(1+1/2)=3m

E' necessaria una precisazione:
e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

 
I nostri articoli sono stati letti
volte
 
RICERCA

Per effettuare una ricerca interna al sito:

 
ULTIMO ARTICOLO
 
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it