Genova, 19 Agosto 2017 01.53





 

 

05
APRILE
2017
Articolo letto 127 volte

QUANTE PECORE FUORI, QUANTI LUPI DENTRO

 

La Chiesa è la Sposa di Cristo, la Chiesa è santa, la Chiesa è infallibile perché ha ricevuto da Dio, e custodisce, il Depositum Fidei, che è superiore anche al Papa, il quale è infallibile solo quando pronuncia un dogma, perché in tal caso è lo Spirito Santo che parla per bocca sua, ma in ogni altro caso è fallibile come chiunque, e se afferma pubblicamente qualcosa che sia contrario al Depositum Fidei cade ipso facto in eresia. In effetti si conoscono alcuni casi in cui un papa ha pubblicamente enunciato eresie, tanto che il problema del papa eretico è stato oggetto di profonde riflessioni da parte di vari teologi, fra i quali San Roberto Bellarmino.

 

Bellissima e molto vicina alla perfezione era la Chiesa primitiva dei primi tre secoli, sebbene eresie e divisioni ribollissero già allora. Ma era tempo di persecuzioni e solo gente sincera e coraggiosa osava entrarvi. Tutti i papi di questi primi tre secoli, con una sola eccezione, morirono martiri, e tutti furono santi. I sacerdoti non portavano vesti particolari ma erano molto vicini ai fedeli. Oggi c’è la veste ma il loro cuore è lontano da Dio: lo disse il Divino Maestro alla grande veggente Maria Valtorta, come vedremo.

 

All’inizio del quarto secolo, con Costantino il Grande, venne la libertà di culto, interrotta solo dalla penosa parentesi di Giuliano l’Apostata, un individuo frenetico gonfiato dagli storiografi laicisti, e alla fine di quel medesimo secolo, con Teodosio il Grande, il Cattolicesimo divenne religione di Stato. Il paganesimo era ancora forte, ma nella Chiesa si erano aperte attraenti prospettive materiali: non si rischiava più di finire arsi vivi o gettati in pasto alle belve, ma si poteva fare carriera. Gli opportunisti, che prima sedevano al circo facendo il tifo per le belve, senza dubbio si precipitarono ad arraffare posti, sinecure e prebende. Così che, al principio del quinto secolo, Sant’Agostino, a proposito dell’ovile della Chiesa, poteva esclamare: “Quante pecore fuori, quanti lupi dentro!” 

Da allora, pessimi servitori della Sposa di Cristo non sono mai mancati, e il diavolo ha potuto farne larga vendemmia. Scrittori e predicatori cattolici hanno avuto purtroppo ampio motivo di elevare lamenti su simili servitori. A metà del secolo undecimo San Pier Damiani pubblicò il Liber Gomorrhianus, nel quale flagellava l’orrenda piaga del vizio contro natura fra gli ecclesiastici. Nel 1216 San Francesco, alla Porziuncola, ricevette da Dio il comando di restaurare la Chiesa in rovina.

Jan Brueghel-Sodoma  Gomorra copia

 

Al tempo di Marco Polo venne sprecata per vigliaccheria e accidia l’occasione provvidenziale di evangelizzare l’Asia. Il Gran Khan dei Tartari, Kubilai, aveva chiesto al papa, tramite Nicolò e Matteo Polo (rispettivamente padre e zio di Marco, autore de “Il Milione”), intorno al 1265, l’invio di cento missionari per istruire il suo popolo. Poiché l’impero mongolo di allora abbracciava gran parte del continente asiatico e l’individualismo in senso moderno non era ancora nato, convertire i capi significava di solito convertire tutto il popolo, per cui non è azzardato ritenere che, se la richiesta del Khan fosse stata esaudita, vi sarebbero state ottime probabilità di una generale affermazione del Cristianesimo, anche perché la diffusione dell’islamismo in Asia non era ancora avanzata quanto lo è oggi. Ma si trovarono solo due sacerdoti disposti ad offrirsi volontari per il viaggio, e anche costoro tornarono indietro ai primi pericoli. Così, mentre i mercanti affrontavano ogni rischio, allettati dal guadagno materiale, tra i sacerdoti cattolici non si trovava, all’epoca, chi avesse altrettanto zelo per il bene spirituale proprio ed altrui.

Intorno al 1300 il grande poeta fiammingo Jacob van Maerlant, nel poema (liberamente tradotto in prosa dall’autore) Van den lande van oversee, lamentava: “La cialtroneria ha grasse prebende, la santità è costretta a mendicare: ciò lo si vede tutti i giorni. O Chiesa, ti lamenti! Ne hai ben d’onde, ma non trovi in questa tua sciagura mai sostegno di amico o di parente. Tutti allargano la borsa a più non posso per intascare le tue prebende, ma sono vili quando si tratta di resistere alle prove. Se pure Gesù di nuovo versasse il rosso Suo sangue, come già prima lo versò, ovunque vi è un tale torpore, che a stento qualcuno sarebbe capace di farvi attenzione.” Poco dopo, ecco le sacrosante invettive del Padre Dante, troppo note perché occorra citarle. 

Il domenicano Girolamo Savonarola, condannato a morte insieme a due suoi valorosi compagni, Domenico Buonvicini da Pescia e Silvestro Maruffi da Firenze, per aver detto la verità sulle condizioni della Chiesa, fu vittima di un falso editto di scomunica emanato dal Cardinale arcivescovo di Perugia Juan López a nome del papa, su istigazione di Cesare Borgia, figlio del papa. Alessandro protestò, minacciando Firenze di interdetto per farsi consegnare il Savonarola, salvarlo e farlo discolpare, ma non osò rivelare al mondo l'inganno perpetrato dal figlio, così che il martirio dell’eroico frate, ad opera del braccio secolare (quella Repubblica di Firenze che due secoli prima aveva condannato al rogo, in contumacia, il Divino Poeta Dante), divenne inevitabile.

Al Savonarola era stato offerto un cardinalato, purché cessasse le sue sacrosante denunce, ma egli rispose: “Non voglio cappelli, non voglio mitrie: un cappello rosso, ma di sangue, voglio.” E infatti, dopo atroci torture sofferte insieme agli altri due santi domenicani ricordati sopra, accusati d’esser “scismatici e denigratori della Santa Sede”, il 23 maggio 1498 Domenico Savonarola venne impiccato e bruciato sul rogo, e le sue ceneri furono disperse nell'Arno, once evitare che si creasse un culto della sua santità, che peraltro continuò ugualmente fino ai nostri giorni. Ormai riabilitato, è in corso finalmente la sua causa di beatificazione.

savonarola-1

Ma che aveva detto di tanto terribile? Il 17 febbraio 1496 così aveva iniziato la predicazione dei Quaresimali: “Fatti in qua, ribalda Chiesa, fatti in qua ed ascolta quello che il Signore ti dice: Io ti avevo dato le belle vestimenta, e tu ne hai fatto idolo. I vasi desti alla superbia; i sacramenti alla simonia; nella lussuria sei fatta meretrice sfacciata; tu sei peggio che bestia; tu sei un mostro abominevole. Una volta ti vergognavi dei tuoi peccati, ma ora non più.” Il 24 febbraio tuonò dal pulpito: “Noi non diciamo se non cose vere, ma sono li vostri peccati che profetano contra di voi [...] noi conduciamo li uomini alla simplicità e le donne ad onesto vivere, voi li conducete a lussuria e a pompa e a superbia, ché avete guasto il mondo e avete corrotto li uomini nella libidine, le donne alla disonestà, li fanciulli avete condotto alle soddomie e alle spurcizie e fattoli diventare come meretrici.” L’anno successivo predicò ancora contro Alessandro VI: “Il papa è ferro rotto e non si è tenuti ad obbedirgli, anatema a chi comanda contro la carità. [...] Ogni cosa fanno contro la carità, si elegga al più presto il suo Successore che la barca di Pietro non può attendere.” 

Alla corrotta e paganeggiante Chiesa rinascimentale pose fine il Sacco di Roma del 1527, spianando la strada alla provvidenziale Controriforma, non prima però che i peccati degli uomini di Chiesa avessero condotto alla disastrosa “Riforma” protestante. E, dato che l’andazzo attuale tende a portare fuori strada i fedeli, facendo entrare sempre più lupi nell’ovile, ecco, a difesa contro le contaminazioni eretiche, la visione avuta nel 1883 dalla Beata Suor Maria Serafina Micheli (1849-1911), fondatrice dell’Istituto delle Suore degli Angeli. La Beata si trovava ad Eisleben, città natale di Lutero. In quel giorno si festeggiava il quarto centenario della nascita dell’arcieretico e c’era quindi grande animazione, ma l’unico desiderio di Suor Maria Serafina era di cercare una chiesa e pregare; ne trovò una, ma era chiusa. Allora si inginocchiò sui gradini d’accesso, senza accorgersi che era un tempio luterano. Mentre pregava le apparve l’angelo custode, che l’ammonì a non pregare in quel luogo e disse: “Voglio farti vedere il luogo dove Martin Lutero è condannato e la pena che subisce in castigo del suo orgoglio”. La Beata vide un’orrenda voragine di fuoco, in cui un incalcolabile numero di anime subiva atroci tormenti. In fondo c’era Martin Lutero, circondato da demoni che lo costringevano a stare in ginocchio e, muniti di martelli, si sforzavano, invano, di conficcargli in testa un grosso chiodo. Come anche il Divino Poeta Dante insegna, perla legge del contrappasso il dannato è punito proprio dove maggiormente peccò: nel caso del superbo Lutero il capo.

Lutero

 

 

Ma il solito disprezzo dei potenti per le rivelazioni “private” fece sì che Luigi XIV, il “Re Sole”, rifiutasse, nel 1689, di far consacrare la Francia al Sacro Cuore, come era stato chiesto da Cristo tramite la veggente Marguerite Marie Alacoque; troppi preti divennero mondani “abatini”, e sulla Chiesa si abbatté, esattamente un secolo dopo, la punizione dell’orrenda Rivoluzione francese.

 

È l’epoca della Beata Anna Maria Taigi (1769-1837), che aveva il dono di discernere il destino delle anime: vedeva gente semplice che appena sapeva dire le preghiere salire immediatamente al Paradiso, mentre preti e prelati sprofondavano all’inferno. La Taigi profetò e descrisse con molti anni d’anticipo numerosi avvenimenti storici, come il disastro napoleonico in Russia e la morte di Buonaparte a Sant’Elena; una sua profezia descrive esattamente il Gay Pride: “(…) andranno per le vie della Eterna Città Santa bagnata dal Sangue dei Principi [gli Apostoli], portando la Lussuria in processione. Sacrilegi compiranno contro lo Spirito Santo e contro la Religione: gli uomini si vestiranno da donne e le donne si vestiranno da uomini, la Voce del Santo Vicario non sarà ascoltata e la Sua figura sarà fatta oggetto di scherno e di risa”.

Maria Katharina Emmerick, una monaca agostiniana tedesca vissuta tra il 1774 e il 1824, e beatificata nel 2004 da Giovanni Paolo II disse di vedere, nel futuro, una Chiesa con due papi, protestantizzata e infedele: “Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa. L’ho veduta aumentare di dimensioni: eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma]. Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità” (13 maggio 1820). “Vedo il Santo padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Vedo che una falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente” (10 agosto 1820). “Poi vidi che tutto ciò che riguardava il protestantesimo stava prendendo gradualmente il sopravvento e la religione cattolica stava precipitando in una completa decadenza. La maggior parte dei sacerdoti era attratta dalle dottrine seducenti, ma false, di giovani insegnanti, e tutti loro contribuivano all’opera di distruzione. In quei giorni la fede cadrà molto in basso, e sarà preservata solo in alcuni posti, in poche case e in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri delle guerre” (1820). E ancora: “Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una chiesa grande, strana e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti e avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova chiesa. Ma Dio aveva altri progetti” (22 aprile 1823). 

Alla fine dell’anno ecclesiastico 1823, prima dell’inizio dell’Avvento, la Emmerick ebbe per l’ultima volta una visione relativa alla resa dei conti di quell’anno. Vide, attraverso simboli diversi, le negligenze della Chiesa militante e dei suoi servi in quell’anno; vide quante grazie non erano state coltivate e non erano state raccolte, quante erano state dissipate o andate deplorevolmente perdute. Le venne dimostrato che il Redentore aveva deposto per ogni anno nel giardino della Chiesa, un tesoro completo dei suoi meriti; ve n’erano tanti da poter bastare a tutti i bisogni, a tutte le espiazioni: le grazie neglette, dissipate o perdute (e ce n’erano abbastanza per redimere anche l’uomo più degradato, per liberare anche l’anima purgante più dimenticata) dovevano essere restituite fino all’ultimo obolo, e la Chiesa militante era punita delle negligenze e delle infedeltà dei suoi servi mediante l’oppressione che le veniva dai suoi nemici e mediante le umiliazioni temporali. 

 

E veniamo al ventesimo secolo. In Cielo sapevano già tutto, naturalmente, dello sciagurato secolo durante il quale l’assalto demoniaco si sarebbe fatto ancor più violento. Il 13 ottobre 1884, mentre celebrava la Messa, il Papa Leone XIII ebbe una visione che descrisse al suo confessore. Il demonio aveva chiesto un secolo per distruggere la Chiesa e maggior potere su quelli che si fossero posti al suo servizio. Nostro Signore acconsentì e Leone XIII rimase così scosso che scrisse una preghiera in onore di San Michele Arcangelo per la protezione della Chiesa, e ordinò che questa preghiera venisse pronunciata alla fine di ogni Messa. Ma con la riforma liturgica del Concilio Vaticano II questa salutare pratica fu abbandonata. Subito dopo scoppiò l’immondo Sessantotto, col suo “vietato vietare”, proprio come se fosse caduto un ostacolo all’opera demoniaca.

 

La rivoluzioni precedenti avevano aggredito il Papa (con Lutero), la regalità e la nobiltà (con la rivoluzione francese), la proprietà e quindi il settimo comandamento (con Marx), ma nessuno aveva ancora tentato un attacco diretto all’uomo come tale, benché il degrado luterano del Santo Matrimonio da Sacramento a semplice contratto con Lutero, i libertini della rivoluzione francese (vedi il disgustoso De Sade) e l’infame trattato sulla famiglia di Engels avessero aperto la strada al degrado totale, ma col Sessantotto il disordine satanico poté assaltare frontalmente la famiglia e la stessa integrità dell’essere umano con l’immonda teoria del gender, divenuta addirittura dogma in scuole e università, fino alla omoeresia, penetrata nella stessa Chiesa.

Quante pecore-San Michele Arcangelo

A Quito, nell’America spagnola, la monaca Mariana Francisca Torres y Berriochoa (1563-1635), una straordinaria veggente, ricevette dalla Santissima Vergine una tremenda rivelazione riguardante la nostra epoca: la diffusione di molte eresie, lo spegnersi della fede in tanti cuori a causa della quasi totale corruzione dei costumi, spaventose calamità pubbliche e private, la crudele e indescrivibile sofferenza delle poche anime rimaste fedeli, un clima avvelenato di impurità regnante che, come un mare lurido, avrebbe invaso il mondo, l’infiltrazione del male nelle case, spegnendo la luce dell’innocenza nel cuore dei bambini, che difficilmente riceveranno il sacramento del Battesimo e della Confermazione. Scarse le vocazioni sacerdotali e molte deboli per assenza di formazione. Ridicolizzato, oppresso e disprezzato il sacramento dell’Ordine: il demonio lavorerà con sottile astuzia per allontanare i religiosi dalla loro vocazione, corrompendone molti. Disprezzato il sacramento della Penitenza: essendo radicati nel peccato cercheranno di ignorarlo e per loro nulla sarà peccato; i laici non vi presteranno attenzione; fra i sacerdoti alcuni lo guarderanno con indifferenza, altri non lo amministreranno, o lo daranno con atteggiamento sprezzante allontanando le anime. Nella seconda metà del XX secolo si avrà come una svolta di questa crisi, riassumibile in: una massiccia apostasia nella Chiesa, la corruzione del clero e dei superiori, il propagarsi delle eresie, l’abbandono delle regole in conventi e monasteri. Di tale rovina avrà colpa l’autorità ecclesiastica. 

Di fronte a tanto disastro, la Venerabile Mariana Francisca Torres y Berriochoa si offrì come anima vittima per attenuarne la gravità, accettando di soffrire spaventosamente per tutta la vita. Si confronti questa sublime carità di un’umile suora verso gente lontana nel tempo ben quattro secoli, con il cinico commento di Giovanni XXIII di fronte al Terzo Segreto di Fatima. Disobbedendo all’ordine espresso della Madonna di divulgare per intero il Segreto al più tardi nel 1960, il “papa buono” disse: “Non riguarda gli anni del mio pontificato”, come se il pastore universale, responsabile del gregge in ogni luogo e tempo, dovesse preoccuparsi solo dei pochi anni del suo pontificato. 

Nell’apparizione del 2 febbraio 1634, la Madonna aveva avvertito Madre Mariana che molti Superiori corrotti avrebbero voluto distruggere lo spirito della religione: “Tempi terribili verranno quando coloro che dovrebbero giustamente difendere i diritti della Chiesa saranno accecati. Senza paura o rispetto umano, si uniranno ai nemici della Chiesa per aiutarli a soddisfare le loro ambizioni. Guai all’errore dei sapienti, a chi governa la Chiesa, al Pastore del popolo che il Mio Santissimo Figlio ha affidato alla sua cura!“ Riferendosi al ruolo delle autorità religiose depravate aggiunse: “Ma nel momento in cui sembreranno trionfanti e l’autorità abuserà della sua potenza, commettendo ingiustizie e opprimendo i deboli, la caduta sarà vicino. Paralizzati cadranno a terra”. La vittoria finale toccherà quindi alla Santissima Vergine del Buon Successo: tale è infatti il titolo con il quale la Madonna è venerata a Quito.

Quante pecore-Mariana Francisca Torres de Jesus 

Interrogato sul motivo per cui tale devozione e le relative profezie per tre secoli sono state conosciute solo in ambito locale, Monsignor Luis E. Catena y Almeida, postulatore della causa di beatificazione della Venerabile Madre Mariana, rispose: “Forse i nemici della Chiesa sono stati consapevoli delle profezie di Nostra Signora del Buon Successo – voglio dire i modernisti e i progressisti che si sono infiltrati nella Chiesa – e avrebbero potuto facilmente oscurarle o modificarle, come è successo con il Terzo Segreto del messaggio di Fatima.” 

Apparsa il 12 aprile 1947 a Bruno Cornacchiola, la Santa Vergine avvertì del pericolo di “Falsi profeti, che cercano con tutti i mezzi di avvelenare le anime cambiando la dottrina di Gesù in dottrine sataniche; e toglieranno il Sacrificio della croce che si ripete sugli altari del mondo” […], e profetò: “"Molti dei miei figli Sacerdoti si spoglieranno nello spirito, internamente, e nel corpo, esternamente, cioè gettando i segni esterni sacerdotali. Le eresie aumenteranno. Gli errori entreranno nel cuore dei figli della Chiesa. Vi saranno confusioni spirituali, vi saranno confusioni dottrinali, vi saranno scandali, vi saranno lotte nella stessa Chiesa, interne ed esterne. Pregate e fate penitenza.

Maest di Duccio copia

 

Gravi parole furono rivolte dal Divino Maestro anche a Maria Valtorta. Ecco solo un paio di esempi. Evangelizzando gli apostoli perché inizino il loro ministero, Gesù intima (L’Evangelo come mi è stato rivelato, Cap. 265.6): (…) non è lecito che per un sacerdote demonio si perdano le anime dei fedeli. Non sarà mai lecito, per nascondere le piaghe nel corpo apostolico, permettere la sopravvivenza in esso di corpi incancreniti che col loro aspetto ripugnante allontanano e col loro fetore demoniaco avvelenano.” E inoltre (ibid., Cap. 629.11, corsivo nel testo): “La veste è rimasta. Ma il sacerdote è morto. In troppi, nei secoli, accadrà questo fatto. Ombre inutili e scure, non saranno una leva che alza, una corda che tira, una fonte che disseta, un grano che sfama, un cuore che è guanciale, una luce nelle tenebre, una voce che ripete ciò che il Maestro gli dice. Ma saranno, per la povera umanità, un peso di scandalo, un peso di morte, un parassita, una putrefazione… Orrore! I Giuda più grandi del futuro Io li avrò ancora e sempre nei miei sacerdoti!” 

 

Ma un cristiano formato non deve né abbattersi di fronte a simili realtà, né deve cessare di amare la Chiesa se i suoi ministri sbagliano e peccano. La Santa Madre Chiesa rimane nostra madre, e non si abbandona certo una madre che è stata ferita da figli malvagi. La ricetta salvifica è una sola, predicata dalla Santissima Vergine ad ogni Sua apparizione: “Pregare, pregare, pregare”. Amen.

EMILIO BIAGINI

I nostri articoli sono stati letti
volte
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it