Genova, 19 Febbraio 2018 17.54





 
AQUILE E VIPERE » LIBRI »

 

05
FEBBRAIO
2018
Articolo letto 20 volte

ORO O O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

 Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila

 And the winner is …….

Ecco il vincitore della prossima Aquila d’oro:

Segue una recensione di Emilio Biagini:

 

ANGELA PELLICCIARI (2014) La gnosi al potere: perché la storia sembra una congiura contro la verità, Verona, Fede & Cultura

Il decrepito trombone comunista Norberto Bobbio si distinse, su un giornale di regime (Repubblica, naturalmente), con una penosa aggressione alla Professoressa Pellicciari e al suo sacrosanto revisionismo. Il trombone si permise di bollare (senza diritto di replica) come “tentativo ideologico di destra” lo svelamento della brutale aggressione anticattolica nota come “risorgimento”. Lo smentiscono i fatti e le dichiarazioni degli stessi vertici massonici, che si gloriano e si vantano di aver “unificato” l’Italia. Ma, nonostante ciò, la negazione di aver avuto alcuna parte nei disastri della malfatta unità, è sostenuta sfacciatamente dai giornali mainstream totalmente dominati dalla massoneria.

Con fermezza e serenità, sulla base di una inoppugnabile documentazione, l’autrice mette invece a nudo il carattere profondamente criminale del “risorgimento”, basato sulla violenza più barbara, sul profondo disprezzo per il cattolicesimo e per la vita, sull’inganno più sfrontato, sul saccheggio a man salva, sull’oppressione fiscale e morale, sulla sudditanza alla massoneria, sull’odio dello straniero che riversò fiumi di denaro (soprattutto britannico e americano) sui traditori, sulla devastazione culturale, sulla distruzione dell’insegnamento cattolico e di tutte le istituzioni cattoliche, con metodi che nulla hanno da invidiare alle peggiori dittature, imponendo una disgustosa tirannide liberale all’assoluta maggioranza cattolica.

L’Italia non aveva alcun bisogno di un’affermazione nazionalistica. Gli italiani erano da sempre abituati a vedersi al centro del mondo, grazie all’eredità romana, anzitutto il diritto, e poi per il fatto di essere al centro del Cristianesimo. Il diavolo fece di tutto per distruggere la Chiesa e l’Italia. Il “morso di satana” (per usare un’espressione valtortiana) dapprima staccò dalla Chiesa parti importanti, con scismi e con la dannata falsa “riforma”. Quella fu la prima rivoluzione, secondo Plinio Corrêa de Oliveira, e la seconda fu la rivoluzione francese, che si proiettò nell’aggressione napoleonica e nelle rivoluzioni nazionaliste dell’Ottocento, come l’invasione risorgimentale dell’Italia.

Gli invasori perpetrarono la distruzione dell’economia meridionale a vantaggio dei vampiri calati dal Piemonte, la regione più arretrata d’Italia e la più indebitata, che sanò il suo bilancio depredando i popoli conquistati del resto d’Italia, imponendo una fiscalità brutale e assassina, il tutto in nome della “libertà”, del “riscatto nazionale” e del “progresso”. Esattamente lo stesso che aveva fatto la Francia rivoluzionaria invadendo il resto d’Europa per sanare la bancarotta provocata dalle proprie frenesie rivoluzionarie.

La rivoluzione, con Lutero e poi con Kant e l’illuminismo, blatera di “libertà” (che è solo libertà dalla Parola di Dio) per consegnare l’uomo alla tirannide dei principi e poi alla tirannide segreta della setta massonica. Sorge però una domanda: le colpe degli uomini di Chiesa non saranno responsabili di questa persecuzione? Se dobbiamo credere alla Vita di Anna Caterina Emmerick” (pp. 81-82), premessa alle visioni di lei sulla Passione, pare sia proprio così: la Chiesa militante trascura, dissipa e perde le grazie ricevute dal Cielo (fra cui ovviamente le rivelazioni private), e deve poi ripagarle “fino all’ultimo obolo”, ed è quindi punita delle negligenze e delle infedeltà dei suoi servi mediante l’oppressione dei suoi nemici e le umiliazioni temporali. Naturalmente quelli che infliggono oppressione e umiliazioni alla Santa Madre Chiesa sono tutt’altro che scusati, e vanno incontro ad un giudizio terribile. Gli assiri non erano forse un giusto strumento per punire i peccati di Israele? Eppure non sfuggirono a loro volta alla giustizia divina.

L’autrice dà rilievo alla vicenda della Spagna cattolica, la quale, dopo la Scoperta dell’America, profuse immense risorse per evangelizzare gli indios, proteggerli ed insegnare loro mestieri utili. Non mancarono, naturalmente, i martiri tra i missionari. Ma successivamente la nazione sembrò impazzire: nel sec. XX, grazie alle logge, vi fu scatenata una delle più mostruose persecuzioni anticattoliche mai viste. La cosa non dispiacque affatto a Hitler, il quale dichiarò che, se non fosse stato per il pericolo bolscevico, non sarebbe affatto intervenuto nella guerra civile spagnola.

Le vittorie di Napoleone furono in gran parte frutto di tradimenti massonici. I massoni infatti devono lealtà (sotto pena di morte) alla setta, per cui sono prontissimi a tradire la patria se la loggia lo ordina. Poi Napoleone stesso fu tradito a sua volta quando alle logge non faceva più comodo: ormai aveva svolto il suo compito spodestando i principi legittimi e andava a sua volta spodestato.

L’ingresso dell’Italia nella prima guerra mondiale, che la popolazione non voleva, fu fortemente voluta dalle logge, che teorizzavano la supremazia dei popoli “civili” su quelli “incivili”, ad esempio degli italiani in Dalmazia sugli slavi. Il patto di Londra del 1915, in base al quale l’Italia venne attirata nell’“inutile strage”, prevede l’esclusione della Santa Sede da qualsiasi conferenza di pace (art. 14), e la segretezza del trattato stesso (art. 15), discusso e approvato sulla testa del parlamento e del popolo.

Vi è un’esatta specularità fra Mussolini e Gramsci, entrambi favorevoli alla violenza, ma quella di Gramsci era “migliore”, diceva lui, perché comunista e rappresentativa della “maggioranza”. Con la differenza che Gramsci non venne ucciso ma solo imprigionato e morì di morte naturale non in carcere ma in una clinica, mentre i fascisti furono trucidati (non solo loro, ma anche molti la cui unica colpa era essere preti o seminaristi) e certo non poterono lasciare nessun “Quaderno dal carcere”. Il filo della massoneria lega l’interventismo, le origini del fascismo e il fascismo delle origini. Ad esempio, il “Popolo d’Italia” fu finanziato dalle logge.

La massoneria agisce con operazioni a doppio livello: prima di partecipare a una riunione di partito in cui si trovino dei “profani” (ossia non massoni), i massoni che vi operano all’interno sono tenuti a discuterne preventivamente in loggia, in modo da orientarne i lavori in senso favorevole alla massoneria, così che le decisioni dei partiti finiscono per rispecchiare decisioni prese altrove e in modo tutt’altro che democratico. Poi i massoni hanno il coraggio di affermare, nelle costituzioni di Anderson e ad ogni piè sospinto, che la massoneria non si occupa di politica.

L’ingerenza massonica nella politica assume anche aspetti simbolici, che sanno molto di magia nera: l’architetto massone Zavoli ha cosparso di stelline al titanio Piazza Montecitorio, formando un disegno di simboli massonici: il pentacolo fiammeggiante e il candelabro a sette braccia ebraico (menorah) che la massoneria ha assunto come proprio, così che i parlamentari italiani, entrando e uscendo, sono costretti ad attraversare regolarmente questi simboli del “progresso”, della “scienza” e della “libertà” massonica.

Non va mai dimenticato che tali termini hanno, nella neolingua massonica, un significato ben diverso da quello comune: la “libertà” è la loro libertà di imporci quel che loro piace, il “progresso” è la distruzione del cristianesimo, la “scienza” è la scusa per imporre un relativismo che scuote alla radice ogni certezza a cominciare da quelle religiose, dato che la “scienza” muta le sue prospettive e a tali nuove prospettive occorre adattarsi. Il risultato di questa “scienza” è la danza macabra dell’aborto, dello sfruttamento degli embrioni, dell’eutanasia, dell’eugenetica, e (va aggiunto) del controllo capillare sulla popolazione.

La democrazia sposata al relativismo genera mostri. Onu e Ong impongono una vera e propria dittatura massonica, intimidendo e perseguitando gli Stati nazionali, e non sottostanno ad alcun controllo. Mirano alla distruzione del Cristianesimo, inventano sempre nuovi “diritti” che portano alle più mostruose aberrazioni, fino alla sterilizzazione degli individui “inferiori” (eugenetica), all’assassinio (aborto ed eutanasia), alla distruzione del senso morale (omosessualismo, educazione sessuale). Con la scusa dell’“uguaglianza”, ecco la lotta al “razzismo”, inteso in modo così vago da permettere di criminalizzare chiunque, anzitutto i cristiani. Uno dei più disastrosi mostri prodotti dall’ossessiva ingerenza massonica è la Carta dei diritti europea che cancella di fatto il Cristianesimo, di cui non fa parola.

Se i membri delle logge parlano della Chiesa è per caricarla di ogni nefandezza, fiancheggiati in questo da preti fin troppo accomodanti, se non addirittura complici. Ad esempio, l’odio antiebraico nasce con Lutero e Voltaire, e quindi proprio dallo stesso mondo settario, ma i settari che pontificano dalle corazzate mediatiche ne accusano invece la Chiesa.

E sono pure monotoni. Il Consiglio d’Europa (15 persone) promulga leggi in segreto, senza alcun controllo, proprio come in passato fece il parlamento subalpino, scatenando le atrocità del “risorgimento”. Orfani del comunismo trasformati in nichilisti difensori dell’arbitrio individuale, ignorano volutamente le radici romane e cristiane che hanno fatto l’Europa. L’Italia fu ridotta a una colonia dai poteri forti col “risorgimento” anticristiano, e lo stesso si tenta, non senza successo, di fare in tutto il resto d’Europa ancora non del tutto sottomesso all’arbitrio massonico.

Marx e Hitler non hanno fatto perso. Ha vinto il loro comune denominatore: la gnosi. Questo mostro filosofico opera con la dittatura della scienza, il terrore rivoluzionario, la guerra spietata alla religione, l’eugenetica, gli esperimenti su malati e disabili, la morte nei gulag e nei lager. Oggi la gnosi, in nome della libertà, dell’uguaglianza e della scienza, dimentica Dio e impone la sua tirannide sull’uomo: eutanasia estesa ai bambini, fine della famiglia, creazione di una neolingua orwelliana con scomparsa delle parola mamma e papà, educazione sessuale con la masturbazione imposta fin dall’asilo, imposizione dell’ignobile teoria “scientifica” del gender come un tempo si imponevano le teorie “scientifiche” della razza o della classe “eletta”.

Destabilizzare e distruggere è un’opera diabolica molto utile per aggredire il nemico cattolico e portare ai popoli assetati di lumi il benefico balsamo della luce massonica. Ed ecco quindi le famigerate “primavere arabe”, scatenate dai poteri forti, che hanno dato avvio all’invasione dei migranti. La Francia imperialista ha aggredito la Libia amica dell’Italia per sostituirvi il proprio dominio, sempre in nome degli “immortali principi” (meglio sarebbe dire “immorali”).

Anche il crollo di Berlusconi è avvenuto per gli attacchi dei poteri forti coadiuvati dai Quisling nostrani che speravano di lucrare qualcosa dal saccheggio nemico. Lo stesso avvenne durante l’aggressione napoleonica e durante quella risorgimentale. I Quisling accettarono e propalarono la menzogna massonica di una Chiesa nemica dell’Italia, mentre al contrario è all’origine della vera gloria italiana.

Il caso di Eluana Englaro è stato usato dai poteri forti e digrignanti per promuovere la loro infame causa dell’eutanasia, imponendo una concezione gnostica della vita, una cultura della morte in nome della tecnoscienza e di un relativismo cialtrone che calpesta la natura umana e le leggi divine, che porta al trionfo dei desideri incontrollati e ad uno spietato relativismo: tutto ciò conduce al ripugnante trionfo dei deliri di onnipotenza dei ristretti gruppi di “illuminati”.

Sulla base di precisi documenti di parte massonica sequestrati dalle forze dell’ordine, l’autrice illustra la programmatica corruzione mirante a distruggere la famiglia promossa dalla setta massonica, isolando e rendendo disperati gli individui, in modo che si sentano attratti da altre forme di associazione, e finiscano preda della massoneria. Nella misura in cui questo diabolico piano ha avuto successo, si sono ottenuti il crollo della natalità e la crisi economica.

Si è giunti persino, con l’autorevole scienziato Veronesi, ampiamente ripreso dalla gran cassa mediatica mondialista, all’orrore di proclamare “più puro” il cosiddetto “amore omosessuale”, perché non fa figli. Questo non è altro che gnosi, esattamente come predicavano i catari nel sec. XII, favorevoli a qualunque tipo di accoppiamento purché non fecondo: “la carne va distrutta per liberare lo spirito”, dicevano. Ancora e sempre cultura della morte.

La radio del Sole Ventiquattrore sponsorizza l’omosessualità come la Lehman Brothers l’ha sponsorizzata in Asia immediatamente prima di fallire in modo clamoroso. Questo interesse dell’alta finanza usuraia per la diffusione del vizio contronatura (per chiamarlo col suo vero nome), si richiama a ben precise direttive mondialiste dell’ambientalismo malthusiano. E quindi ancora e sempre cultura della morte.

Così l’Occidente senza Dio e senza figli, prima di sprofondare, si sforza di trascinarsi dietro il resto del mondo. In particolare l’Inghilterra (ma anche gran parte dell’Occidente) ha perduto il senso della vita per abbracciare la morte che è entrata nel mondo per l’invidia del diavolo, la morte che sarà l’ultimo nemico ad essere abbattuto da Cristo. Si è addirittura sentito proclamare a Radio radicale il “diritto a morire”, come se la morte non dovesse toccare a tutti. È una danza macabra: la danza dell’ateismo. Le madri fanno a pezzi i loro bambini e questo lo chiamano “il diritto della donna”. Dio ha creato l’uomo per l’immortalità, ma della morte fanno esperienza coloro che appartengono al diavolo, ed è la morte eterna.

Come Pio IX all’inizio, così viene osannato dai laicisti anticristiani anche Bergoglio; solo che Pio IX si accorse ben presto dell’inganno, mentre Bergoglio ci nuota e si esalta per la Bonino abortista, né dà segno di fare marcia indietro, anzi.

Concludendo, si tratta di un libro molto ripetitivo, essendo fatto di articoli di giornale che ritornano spesso sui medesimi argomenti, talora con le medesime parole, ma non importa: repetita iuvant. È un’opera che andrebbe letta e meditata nei seminari e in tutte le scuole, se gli insegnanti non fossero preda, essi per primi, della cultura della morte. Un’opera di una grande studiosa alla quale non sarà mai offerta una cattedra nella pietosa università italiana, dove regna la gnosi politicamente corretta.

EMILIO BIAGINI

 

I nostri articoli sono stati letti
volte
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it