Genova, 30 Aprile 2017 12.49





 
AQUILE E VIPERE » LIBRI

 

Libri

27
APRILE
2017
Articolo letto 6 volte

ORO O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila

Abbiamo il piacere di conferire l’aquila d’oro a questa significativa biografia del Prof. Avv. Emilio Artiglieri:

EMILIO ARTIGLIERI, Pio XII. Il Papa della carità, Gorle (BG), Editrice Velar, pp. 48, € 3,50.

Segue una recensione di Maria Antonietta Novara:

L’avvocato Emilio Artiglieri riesce in questo agile volume a fornire un ritratto esauriente dell’augusta figura del Sommo e Santo Pontefice Pio XII, con un’accurata biografia arricchita da numerose foto tratte dagli archivi vaticani.

La figura di Eugenio Pacelli è delineata fin dalla nascita, avvenuta nel 1876 a Roma, dove la famiglia si era trasferita per il lavoro del padre, avvocato in Vaticano. Il piccolo Eugenio è un bimbo serio, studioso, di salute cagionevole, ma dotato di una forte volontà, che lo spinge ad compiere il suo dovere anche a costo della salute.

Proprio a causa dei problemi di salute, i suoi studi per diventare sacerdote si svolgono al di fuori del seminario presso istituti laici. Questo gli dà la possibilità di venire in contatto con persone di tutti gli ambienti e di diverse convinzioni, conferendogli un’apertura mentale non comune a quell’epoca.

Ordinato sacerdote, svolge all’inizio la funzione di cappellano in diversi istituti religiosi, fra cui quello dell’Assunzione. Ma il suo valore culturale e spirituale fa sì che il Papa lo mandi, nel 1917, come Nunzio a Monaco di Baviera, capitale allora del Regno di Baviera, e successivamente a Berlino come Nunzio per tutta la Germania.

Dopo la prima guerra mondiale, la storia del Nunzio Pacelli diventa grande storia. Pacelli si spende con viva carità per aiutare la popolazione tedesca travagliata da gravi difficoltà economiche. Chiamato a Roma come segretario di Stato nel 1930, svolge un ruolo decisivo nella formulazione dell’enciclica Mit brennender Sorge (Con bruciante ansietà) di Pio XI, nella quale viene condannata l’ideologia nazista, insieme alle persecuzioni inflitte da Hitler ai cattolici in spregio al concordato del 1933 con la Santa Sede.

Alla prima guerra mondiale segue la seconda, ancor più atroce della prima. Pacelli è stato appena eletto papa col nome di Pio XII, e vive con angoscia quegli avvenimenti. Lancia numerosi appelli per la pace e contro le persecuzioni nei confronti degli ebrei, ma quando viene a sapere che un appello al Reich in favore degli ebrei da parte dei vescovi olandesi ha causato l’assassinio di quarantamila ebrei, è costretto a cambiare strategia.

Mediante messaggi riservati dà ordine ai preti e a tutti gli ordini religiosi di accogliere e nascondere i perseguitati. È così che la Chiesa salverà più di ottocentomila ebrei, tra l’indifferenza degli Stati alleati che pur essendo a conoscenza dello sterminio, e avendo mezzi sterminati a disposizione, nulla fecero per impedirlo.

Nello stesso tempo Pio XII si occupa delle popolazioni civili, oppresse dalla fame e dai bombardamenti, assiste i prigionieri di guerra, instancabile nella sua opera di carità.

Tutto queste e molte altre notizie vengono illustrate con grande abilità nel libro dell’Avv. Artiglieri, che è anche Presidente del Comitato Papa Pacelli che si adopera per la causa di beatificazione.

È un fatto estremamente grave che, a quasi sessant’anni dalla morte di questo santo e grande Papa la causa di beatificazione non sia ancora giunta a conclusione. Ancora più grave è che a Gerusalemme, nello Yad Vashem, la Chiesa cattolica sia citata nella stessa stanza dei persecutori degli ebrei insieme al Reich di Hitler, e che una mendace scritta rimproveri a Pio XII presunti “silenzi” sulla persecuzione. Gli ebrei che subito dopo la guerra riconobbero e ringraziarono questo grande e santo Papa che ne aveva salvato centinaia di migliaia inspiegabilmente si sono trasformati nei suoi peggiori detrattori.

MARIA ANTONIETTA NOVARA


04
MARZO
2017
Articolo letto 100 volte

ORO O O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA
Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila


And the winner is …….

Ecco il vincitore della prossima Aquila d’oro una succosa raccolta di brevi saggi di filosofia e teologia. Segue un commento di Emilio Biagini

  

BATTISTI G.T. (2017) La madia di Väze, If Press, Roma

 Questo nuovo agile libretto di Gianni Battisti vuole presentare alcune consolanti verità della Fede, respingendo gli inganni del mondo moderno. La metafora della “madia” rimanda alla Chiesa come dispensatrice di cibi di Verità per le anime sofferenti. Costante è il riferimento al profondo pensiero di Padre Tomáš Týn (1950-1990), Servo di Dio, grande domenicano boemo, nativo di Brno.

In quella madia troviamo anzitutto la sana metafisica, che dimostra l’esistenza di Dio, mentre l’insipienza dello scientismo tradisce la ragione, pretendendo che la scienza sia l’unica fonte di conoscenza. È un’affermazione ridicolmente contraddittoria, perché suppone che solo ciò che è scientificamente dimostrabile abbia validità, ma la stessa proposizione “la scienza è l’unica fonte di conoscenza” è un assunto gratuito non dimostrabile scientificamente, quindi si autocontraddice.

Leggi tutto...


29
DICEMBRE
2016
Articolo letto 155 volte

ORO O O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA
Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila


And the winner is …….

Ecco il vincitore della prossima Aquila d’oro:

Un prezioso piccolo trattato che tocca i punti vitali della dottrina, evidenziando come non può esservi buona teologia senza una buona metafisica:

GIANNI T. BATTISTI (2015) Quel caffè in riva al mare, Verona, Fede & Cultura

 

 Copertina Caff in riva al mare copia

Segue una recensione ad opera di Emilio Biagini:

Questi saggi di filosofia e teologia, pubblicati in un agile libretto con la prefazione di Sua Eminenza Card. Raymond Leo Burke, celano sotto lo stile brioso e leggero, appunto da chiacchierata sorseggiando un buon caffè in riva al mare, una matura riflessione sulla natura della Fede e sulle deleterie idee che oggi l’insidiano.

 

Anzitutto la teologia ha bisogno di buona metafisica, che imposti in modo impeccabile il problema dell’essere, sulla scia del grande e insostituibile San Tommaso d’Aquino, per sfuggire al disastro della filosofia moderna che pretende di “dimostrare” l’essere attraverso la percezione, la ragione, il pensiero, cioè mediante processi mentali puramente umani, perdendosi in astrazioni che non conducono da nessuna parte fino a sfociare nella palude relativistica. L’Ente, al contrario, si regge senza bisogno di percezione o dimostrazione: è il classico caso in cui si applica la massima: credo ut intelligam.

 

Il problema dei problemi che l’autore affronta è la grande questione teologica dell’origine del male, il cui nucleo centrale è il rapporto tra l’agire divino e l’agire umano, egregiamente risolto dall’Aquinate. La volontà e la grazia divina causano l’atto di libero arbitrio della nostra volontà che ci permette di raggiungere la salvezza, senza togliere al nostro atto volontarietà, libertà, responsabilità e merito. Al contrario, il gesuita spagnolo Luis Molina riduceva l’atto umano alla conseguenza di una causa, mettendo in pericolo il libero arbitrio, per salvare il quale egli escogitò la cervellotica “scienza media” che dovrebbe permettere a Dio di prevedere i casi in cui il libero arbitrio consentirà all’azione della grazia. Dopo lungo dibattere, la soluzione domenicana di San Tommaso prevalse sulla soluzione gesuitica del problema. E così possiamo concludere che mentre Dio, Causa incausata, è il Creatore assoluto, all’uomo è permesso di essere creatore del suo bene e del suo male.

 

Purtroppo, con la barbarie della modernità, si è diffusa la convinzione che l’esistenza di Dio impedisca la libertà umana, la quale scaturirebbe invece dall’intimo dell’uomo: si tende quindi ad oscurare il vincolo della libertà con la Verità, così che la dimenticanza di Dio estingue la luce. In nostro aiuto viene la Santissima Vergine, che tuttavia – occorre aggiungere – purtroppo non è sempre obbedita con la necessaria fedeltà: basti pensare quanti ostacoli sono stati frapposti dalla gerarchia ai messaggi di Fatima e di Medjugorje. Settant’anni ha dovuto attendere la consacrazione della Russia al Cuore immacolato di Maria mentre il comunismo dilagava. In compenso la Chiesa tende a presentarsi come un’organizzazione caritativa, dimentica della missione di apostolato e dei Quattro Novissimi, mentre la falsa carità, che benedice indiscriminatamente tutto, serve solo ad ottenere l’applauso del mondo luciferino ma non converte nessuno.

 

Non vi è libertà senza legge, e la pienezza della legge è in Cristo. Il mondo odierno si affanna ad accumulare leggi su leggi contrarie alla Verità cristiana, e quindi contrarie alla natura e alla vita: vere leggi tanatofile per una società in disfacimento. Ma un conto sono le leggi dei Cesari e un altro quella di Cristo, alla quale bisogna obbedire anche a costo di sfidare le leggi anticristiche. La vita eterna non è infatti un regalo scontato, che si ottiene mediante certi riti, ma si consegue combattendo.

 

Un posto fondamentale nell’affermare la Verità è quello dell’arte. Infatti – vorrei aggiungere – non per niente le invasioni risorgimentali si preoccuparono di distruggere e devitalizzare quanta più arte sacra poterono, fino a riempire di sale (dico sale, salgemma, NaCl) le chiese delle provincie conquistate al preciso scopo di rovinarne gli affreschi. L’opera sacrilega fu completata dal furto sistematico di opere d’arte sacra da smembrare e vendere all’estero, oppure dal loro rastrellamento per essere rinchiuse nei musei come povere cose morte.

 

Spaventose furono poi le devastazioni di arte sacra nell’URSS e nei paesi satelliti. Ciononostante l’amore per le sacre icone si è conservato, e la Russia rappresenta oggi un faro di fede e un vero difensore della cristianità. Opportunamente l’autore ricorda le stupende opere di Andrej Rublëv e le deliberazioni dei Concilio dei Cento Capitoli in Russia relative alle icone, il cui linguaggio ha dignità pari alla Sacra Scrittura (vedi la Teologia dell’icona, di Leonid Uspenskj). La musica poi (quella vera) ha perfino un potere esorcistico, come dimostra l’effetto della cetra di Davide nel placare lo spirito di Saul, fugando il demonio che lo tormentava.

 

Il denso ragionamento di Battisti è intessuto e sostenuto da dotte citazioni di santi, papi e teologi, da San Paolo, Sant’Ambrogio e Sant’Agostino a San Bonaventura da Bagnoregio e San Tommaso d’Aquino. Incontriamo pure i sacrosanti ammonimenti del Sommo Poeta Dante Alighieri, come pure la sapienza del conte Joseph de Maistre, del Venerabile Pio XII e di San Giovanni Paolo II, Antonio Livi, Cornelio Fabro, Romano Guardini, Padre Francesco Cavalcoli, e soprattutto del Padre Tomaš Týn, e anche del grande giurista Francesco Carnelutti.

 

La postfazione di Grazia e Maurizio Ragazzi sottolinea la satanica perversione del linguaggio al servizio delle infami leggi dello sfacelo anticristico: il verbicidio (vedi C.S. Lewis), ed auspica l’insorgenza contro tale genere di leggi, che suscitano per fortuna opposizione anche negli ambienti apparentemente più improbabili. Così veniamo a sapere che oltre trecento funzionari della Banca Mondiale, del Fondo Monetario Internazionale e di altre organizzazioni notoriamente favorevoli all’aborto, al famigerato gender e ad consimili crimini contro l’umanità, firmarono una lettera di benvenuto a Benedetto XVI, in occasione del suo viaggio negli Stati Uniti, plaudendo alla sua iniziativa in favore della dignità umana, della famiglia naturale e contro l’aborto (di certo questa lettera di benvenuto non avrà reso più facile la carriera dei coraggiosi firmatari).

 

Intercalati in mezzo a problemi così ardui e seri, trattati con notevole capacità di sintesi, come fossero tazzine di caffè concentrato, ecco, “per sorridere un po’”, due raccontini dialogati di certi coniugi Biagini, famigerati scrittori satirici, che sembrano essere stati inclusi proprio per castigare ridendo i mores di un clero ben lontano dalla sana teologia di questo libretto e ormai a quanto pare avviato a fare tutto il possibile per favorire l’avvento dell’anticristo.

 

EMILIO BIAGINI

 


26
SETTEMBRE
2016
Articolo letto 269 volte

ORO O O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila-Figura_aquila


And the winner is …….

Ecco il vincitore di una DOPPIA AQUILA D'ORO:

ETTORE GOTTI TEDESCHI, con:

UN ECCEZIONALE CONDENSATO DI SAGGEZZA: 

GOTTI TEDESCHI E. (2015) Un mestiere del diavolo. Paolo Gambi intervista Ettore Gotti Tedeschi, Prefazione di Mons. Luigi Negri, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa, Editrice Giubilei Regnani, Cesena

 

Segue un commento di Emilio Biagini, con ampie citazioni dall'originale.

 

Questo libro-intervista al grande economista Ettore Gotti Tedeschi tocca numerosi punti di fondamentale importanza, non solo economica, in quanto pone l’economia nella sua giusta prospettiva di semplice strumento, e quindi destinata a porsi al servizio di fini moralmente sani, quali solo la dottrina cattolica è in grado di offrire. Se ciò non avviene, se l’economia è presa come valore a sé, il disastro sia morale sia economico è alle porte, e ciò lo si vede ogni giorno. Il mondo e il suo principe, il diavolo, non tollerano che all’economia venga dato un indirizzo moralmente sano, così come non tollerano che una grande banca venga diretta da un autentico cristiano, e questo spiega l’ignobile persecuzione contro Ettore Gotti Tedeschi.

Il diavolo, argomenta con arguzia Gotti Tedeschi, è “in pensione” perché il suo lavoro lo fanno altri, anche cattolici. La mentalità cattolica ha ceduto alla mentalità diabolica. Il Cardinale Joseph Ratzinger, in Introduzione al Cristianesimo, scrisse che “la Chiesa è diventata per molti ostacolo alla fede”. Ma Gotti Tedeschi si dice certo che solo la Chiesa potrà salvare l’uomo (p. 24). Osserva Paolo Gambi: “Colpisce la sua fiducia nella Chiesa, il suo amore così spesso dichiarato, nonostante tutto il male che da dentro le è stato inflitto, che è stato permesso e per il quale nessuno si è sognato neppure di scusarsi. Anzi, non mi risulta che qualcuno si sia impegnato a indagare ciò che è successo, nonostante le sue denunce. Per non parlare del fatto che hanno persino disobbedito alla volontà ultima di Papa Benedetto di riabilitarla ufficialmente.” (p. 176).

Tenuto conto anche di ciò, il quadro politico, economico, morale appare, a dir poco, allucinante. È in corso, con successo, il tentativo di distruggere le radici cristiane. L’immigrazione forzata ha come vero obiettivo il “ridimensionamento” (o meglio la distruzione) delle radici cristiane dell’Europa e in particolare dell’Italia, grazie a una classe politica che probabilmente non sa neppure cosa siano tali radici. “È troppo tardi ormai: troppi gnostici, persino inconsapevoli, soggetti al potere e alle proprie debolezze, guidano il mondo. Troppe persone che non sanno dare senso alle proprie azioni, perché mancano del senso della vita, governano le architetture della società. Troppe persone che hanno capacità, visione, senso della vita sono invece rassegnate, impotenti.” (pp. 38-39).

Di conseguenza, inevitabilmente, siamo in una profonda crisi morale che “provoca confusione tra fini e mezzi, la perdita del senso della vita e delle azioni. Fa scindere, separare, fede e opere, idee e comportamenti e, infine, genera un effetto che io definirei ‘cessazione dell’alimentazione integrale dell’uomo’. Quest’ultimo è fatto di corpo, intelletto e anima; per vivere in modo equilibrato deve quindi nutrire il corpo, l’intelletto e l’anima. Se gli viene tolto il nutrimento corporale muore di fame. Se gli viene tolto il nutrimento intellettuale non capisce ciò che fa. Se gli viene tolto il nutrimento spirituale, nella migliore delle ipotesi diventa un razionale consumista materialista. Come è stato negli ultimi tempi.” (pp. 40-41).

L’unico rimedio a tanto male sarebbe la morale cattolica, ma chi la difende si sente tacciare di oscurantista, retrogrado, medievale. Ma la morale cattolica non può sussistere senza la fede, la quale però, di fronte all’arrogante avanzata del laicismo, ha perduto tutte le battaglie, anzitutto quella filosofica, soccombendo al relativismo imposto dalla modernità.

Eppure, mi permetto di notare, il relativismo è segno di sconfitta del “pensiero” anticristiano. Il fallimento delle ricette laiciste e materialiste è palese, per il crollo dell’ateismo di Stato, il dilagare di droga e suicidi tanto maggiore quanto più avanzata è la secolarizzazione della società. È proprio perché non possono dimostrare la superiorità delle loro elucubrazioni, che gli illuministi al lumicino hanno inventato il relativismo. Vogliono persuaderci che se non sono riusciti loro a trovare la verità e a creare il paradiso in terra, vuol dire che nessuno può riuscirvi. Vogliono coinvolgerci nel loro fallimento. E ci riescono per il controllo arrogante dei mezzi di comunicazione e per la timidezza della gerarchia che cerca di andar d’accordo col mondo e trascura gli avvertimenti celesti (Fatima, Tre Fontane, Valtorta, Medjugorje).

Ne consegue la disfatta in tutte le altre battaglie: antropologica (con l’uomo ridotto frutto di evoluzione da un bacillo), scientifica (col cristianesimo sotto accusa solo perché chiede alle scienze di avere un fine), economica (con l’assurda pretesa che i vizi dell’uomo, come avidità, egoismo e indifferenza, siano conseguenze della povertà e non invece le cause della povertà stessa); sociale (col dilagare del neomalthusianesimo ambientalista persino all’interno del pensiero cattolico), sessuale (col vizio contro natura praticamente santificato).

Non trovando oppositori decisi, la filosofia anticristiana si propone di “correggere” i presunti “errori” della creazione. In realtà la natura è “creazione di Dio, perfetta in quanto opera Sua. Ma la natura è un mezzo a disposizione di un’altra creazione di Dio, l’uomo: ecco ciò che gli ambientalistici gnostici non tollerano, che la natura sia sottomessa all’uomo!” (p. 67). È la sfida satanica della gnosi che, “con visione naturalista e panteista, considera l’uomo il cancro della natura, quello che la danneggia con i suoi consumi smodati e la sua indifferenza all’inquinamento prodotto da lui stesso, soprattutto se si sposa (con una donna) e fa figli. E più figli fa più produce danno ambientale. Questa cultura ambientalista è ben accoppiata con la cultura neomalthusiana che negli anni ’75-80 produsse quel sentimento di antinatalità le cui conseguenze oggi sopportiamo.” (pp. 64-65), col risultato che “per non inquinare facendo figli, si è maggiormente inquinato aumentando i consumi per compensare il crollo della natalità.” (p. 65). In tal modo “l’accelerazione del problema ambientale è assimilabile all’accelerazione del problema finanziario, entrambi dovuti alle scellerate scelte neomalthusiane degli anni ’75-80, che hanno fatto crollare la crescita equilibrata della popolazione, bilanciandola con la crescita dei consumi individuali.” (pp. 74-75).

Ma crescita, sviluppo, benessere sociale e ricchezza economica si hanno solo grazie alla famiglia. “Il Pil cresce stabilmente solo se cresce la popolazione, senza questa crescita si può pensare di aumentare le esportazioni, la produttività, ma queste sono illusioni, per molti motivi, che nel mondo globale privilegiano altre aree economiche. Altrimenti il Pil aumenta solo accrescendo i consumi individuali, e ciò a scapito del risparmio trasformato in consumo, attraverso la delocalizzazione produttiva in altri Paesi, al fine di abbassare i prezzi e far crescere il potere di acquisto (per consumare di più). Ma se la popolazione non aumenta, se resta stabile o persino diminuisce, essa invecchia, comportando la crescita dei costi fissi della vecchiaia (pensioni e sanità), che vengono coperti dall’incremento delle tasse. Ed ecco che qui nasce la tentazione dell’eutanasia come presunta liberazione da una vita considerata indegna di esser vissuta (per mancanza di cure e attenzioni). Così si risanerebbero anche i bilanci degli Stati...” (p. 76, corsivo nel testo).

L’eutanasia, prospettata come necessaria dato l’“eccessivo invecchiamento della popolazione, costoso e insostenibile per i bilanci degli Stati”, è un vero capolavoro satanico. Tutto ciò sarà ovviamente presentato in un’aura di buonismo: “Verranno proposte politiche per rendere la vecchiaia meno sopportabile, molto costosa e piena di preoccupazioni per l’anziano, tanto da fargli considerare la vita indegna di esser vissuta; ricorrerà quindi all’eutanasia, cioè al suicidio, e gli inferi dovranno espandersi enormemente”. (p. 114). Ossia, prima il demonio e i suoi lacché annidati a Wall Street e a Washington, hanno promosso la compressione e l’invecchiamento della popolazione, ed ora vogliono assassinare i vecchi.

L’altra tentazione è quella del capitalismo di Stato. Il fallimento delle economie pianificate dei Paesi comunisti non ha insegnato nulla, anche perché l’invidia è un vizio estremamente diffuso, che rende ciechi di fronte alla realtà, per cui “quasi all’unanimità si accusa il capitalismo di aver provocato con i suoi eccessi egoistici la crisi in corso, il degrado ambientale e così via, mentre il capitalismo di Stato viene proposto come alternativa per risolvere i problemi creati dal primo. È facile capire il perché: facendo il capitalista, lo Stato può dettare le regole del mercato, regolando la libertà dell’individuo sempre in modo ingiusto, nella distribuzione della solidarietà forzata. Ma nell’affrontare una crisi come quella attuale – crisi le cui origini non sono affatto capitalistiche, bensì morali e politiche – forse si comincia ad intuire che quando il capitalismo viene deformato dalle scelte istituzionali nasce un qualcosa che non è più né capitalismo né dirigismo, bensì un mostro con più volti, corpi e anime non definibili. Come è facile immaginare, chi è destinato a sopravvivere, cioè lo Stato, attribuirà sempre ad altri la responsabilità degli errori commessi. La colpa normalmente ricade sul privato arido ed egoista, mentre il burocrate-tecnocrate è altruista, disinteressato, e al massimo guadagna troppo...” (pp. 80-81).

La diagnosi di Ettore Gotti Tedeschi è puntuale, perfettamente documentata e argomentata: “A livello globale quello che succede è questo: per venticinque anni (dal 1975 al 2000) ci si è rifiutati di riflettere sulla insostenibilità di una crescita economica consumistica (e sempre più a debito), con crescita della natalità pari a zero, delocalizzazione produttiva, crescita dei costi fissi di invecchiamento della popolazione, assorbiti dalla crescita delle tasse... Dopo il 2001 ci si è rifiutati di pensare che il debito subprime, prodotto per far crescere l’economia Usa al fine di fronteggiare l’aumento delle spese di difesa per contrastare il terrorismo (post 11 settembre) fosse insostenibile.” (p. 84).

A questo punto è bene precisare, per i profani (come il sottoscritto) che prime significa “ottimo, eccellente, della miglior qualità”, così che subprime vuol dire “al di sotto dell’ottimo, subottimale”. Per le banche il prestito subprime è un prestito concesso a un tasso di interesse più alto di quelli stabiliti dal mercato, a un soggetto che, a causa del basso reddito o di insolvenze pregresse, non offre sufficienti garanzie di restituzione del capitale. Insomma, anche un profano si rende conto che si tratta di strozzinaggio e di un pericolosissimo equilibrismo finanziario. E infatti…

Ecco come Ettore Gotti Tedeschi illustra le gravi conseguenze che ne sono derivate: “Quando è scoppiata la bolla finanziaria del debito, a fine 2007, ci si è rifiutati di accettare che bisognava sgonfiarla mettendo intorno ad un tavolo i grandi, cioè i responsabili delle nazioni coinvolte. Sgonfiare un debito così imponente, accumulato in decine di anni per compensare la mancata crescita della popolazione in Occidente con stratagemmi sempre peggiorativi, significava scegliere fra cinque opzioni:

- fare default e non pagare il debito (quel che di fatto fa la Grecia);

- fare inflazione (impossibile, è crollata la domanda);

- fare nuove bolle speculative (per cercare di rivalutare i valori immobiliari e azionari);

- fare austerità (si è tentato con risultati disastrosi);

- fare sviluppo economico (piuttosto difficile nel nostro Paese, in questa Europa).” (pp. 85-86).

Chi prende le decisioni? “(...) le decisioni le prendono alcune persone illuminate che stanno tra New York e Washington – e qualcuna a Berlino. A Bruxelles mandano le conclusioni con su scritto ‘to do’ (compito da fare). A Roma non c’è nessuno.” (p. 89). Ossia, in pratica l’Italia si trova in mano di burattini che prendono gli ordini dal burattinaio di Bruxelles, il quale è a sua volta un burattino di pochi personaggi gnostici e decisamente anticristici. Ad esempio (Sauron)-Soros (di recente smascherato dagli hackers che hanno portato alla luce ben 2500 sue direttive segrete a favore dell’immigrazione forzata e simili attentati all’identità cristiana) e Rockefeller (che proclama la sua ribellione a Dio e al bene esibendo la statua del satanico ribelle Prometeo proprio davanti al Rockefeller Center; e se Nomen Omen, non è forse un caso che Rockefeller significhi “colui che abbatte la Roccia”; ma quella è una Roccia sulla quale si sono sempre infranti e sempre si infrangeranno i nemici).

Nella loro frenesia anticristica, gli illuminati gnostici riescono purtroppo a controllare una gran parte dell’umanità. Infatti non è difficile controllare l’uomo: “basta allontanarlo da Dio, magari confondendolo su cosa gli è necessario per essere felice, soddisfatto – nello specifico facendogli scegliere solo soddisfazioni materiali, confondendo e gestendo quelle intellettuali e privandolo di quelle spirituali. Per controllare l’uomo è sufficiente fargli credere che la sua libertà viene prima di ogni verità di riferimento, soprattutto se questa verità gli viene imposta dalla Chiesa quale autorità morale” (p. 195).

Infatti non è certo difficile diventare seguaci della diabolica gnosi, “quando l’uomo si limita a consumare, comprare, mangiare, guardare la TV, magari anche andare in chiesa, ma per fare due chiacchiere anziché pregare. Questo tipo d’uomo perde il senso soprannaturale della vita e vive ‘animalescamente’ (...), magari pensando soprattutto a farsi un lifting, un tatuaggio, un abbronzante, un abbonamento in palestra, a preparare le vacanze... L’uomo che dice ‘in fondo si vive una volta sola’ è già preda della gnosi, senza saperlo.” (p. 115). Un uomo siffatto non pensa più al Creatore e non lo riconosce: l’interesse della sua vita si materializza, spostando su ciò che è materiale, pragmatico, tangibile, privo di fini. “Ma – ammonisce Gotti Tedeschi – non si creda che questo non abbia conseguenze gravissime sulla stessa vita umana: mi pare che stiamo vedendone i risultati proprio in questi ultimi tempi in cui il relativismo ha trionfato in tutti i campi, convertendosi persino in nichilismo assoluto. Quasi una nuova fede, una fede in nulla, per cui si lavora per nulla, ci si accoppia per nulla, si vive per nulla, si muore per nulla...” (pp. 125-126).

Il lavorio del nemico all’interno della Chiesa mira a far credere che le dubbie innovazioni nella prassi, come ad esempio la spinta alla collegialità (che ha un effetto disgregante), servano a “modernizzare” la Chiesa. Ma in tal modo si riesce “soltanto a relativizzare il comportamento, distaccandolo dai principi cui deve ispirarsi e arrivando pertanto a modificare tali principi dottrinali (...). Questa strategia ‘illuminata’ ha portato non solo alla tiepidezza nella fede individuale, ma anche alla disgregazione dell’unità politica cristiana in Europa, alla confusione sulla credibilità dell’autorità morale della Chiesa, e soprattutto alla convinzione sempre più forte che la Chiesa consenziente debba sottostare alle nuove costituzioni degli Stati sempre più laici, adattando la morale alle loro leggi. È evidente che se tutto è convenzione umana, nessun principio avrà più valore assoluto; anzi, i principi contro le convenzioni umane saranno persino illeciti e punibili. La decisione della Chiesa di secolarizzarsi e proporsi sempre più come esperta di miseria materiale piuttosto che di miseria morale porterà all’umanizzazione del cattolicesimo, all’umanizzazione del divino, alla relativizzazione del soprannaturale, alla fine del naturale (...) o la natura umana è originata dal caos – e quindi tutto è giustificato –, oppure è creata e frutto della volontà del Creatore, in questo secondo caso, se si distacca dal disegno del Creatore muore, in tutti i sensi. Dicono i Papi che è compito primario della Chiesa sostenere questo principio, ma ho perplessità che tutti siano d’accordo a fare ciò. Una della cause di questa mia perplessità è il modo in cui si è tollerato il cambiamento nel sacrificio della santa Messa. Questa è il termometro della fede della Chiesa. Spiega San Paolo che chi mangia il pane eucaristico in modo indegno pecca e si danna.” (pp. 238-239).

Come molti credenti, Ettore Gotti Tedeschi non sembra ritenere che il Novus Ordo Missae del Concilio Vaticano II, mirante a ottenere maggior partecipazione dei fedeli alla Santa Messa, abbia aumentato la devozione, ma dichiara pure: “non sono sicuro che prima la devozione dei sacerdoti fosse così superiore: forse erano solo obbligati a formule rituali (…), così come oggi la celebrazione della Messa, anche senza il rito tridentino, continua ad essere confidata alla santità del sacerdote – che certo non è cambiata con il Concilio, se c’era realmente.” (p. 240).

Il dubbio è lecito di fronte allo scarso zelo di molti consacrati nel combattere le insidie laiciste, una della quali è la bioetica, “definita da Stanley Jaki, benedettino, un’espressione confondente: ci si domanda infatti come possa essere non etico ciò che si riferisce alla vita (bios). Si tratta di un’espressione forzata, quindi, e il perché potrebbe trovarsi nel fatto che l’etica in questione consiste nel manipolare la vita con soddisfazione per l’uomo. Bioetica significa allora soddisfare i bisogni dell’uomo di essere biologicamente diverso, separando chi ha creato da chi ha modificato, e supponendo che chi vuole modificare sia migliore e più capace di chi ha creato? Pazzesco.” (p. 236). (...) se Dio non c’è, non c’è stata creazione, non c’è creatura sacra, ci sono solo cavie di laboratorio per la gnosi; e la cavia preferita è la creatura umana, che deve essere rimodellata e perfezionata.” (p. 237). Se l’uomo è una semplice cavia in mano agli autonominatisi, sedicenti “illuminati”, l’idea di peccato diviene una nozione fuori moda.

Nel suo tentativo di distruggere l’idea di peccato, il demonio ha percorso una lunga strada, prima con le eresie medievali, poi con la funesta “riforma” protestante. “Mentre l’eresia valdese è stata una ribellione anarchica alla Chiesa, quella albigese è stata ben più grave e significativa: potremmo considerarla un’eresia protomalthusiana, con tutti i suoi effetti anche economici sulla crescita. Si è trattato di una dottrina che pretendeva di estinguere l’uomo (la santità vera stava nel suicidio, ma anche lasciarsi morir di fame era apprezzabile), la famiglia e il matrimonio: per riuscirci non ci si doveva accoppiare. (...) queste idee non sono poi così estinte: aborto ed eutanasia, attacco alla famiglia e al matrimonio fra uomo e donna mi dicono qualcosa ancora oggi.” (p. 248).

Ed ecco entrare in scena Martin Lutero. Il peccato per lui “era qualcosa di utile per potersi pentire e rafforzare la fede, confidando in Dio. Il male allora, paradossalmente, diventa bene. In realtà il peccato è ciò che il ‘grande pensionato’ riesce a far amare a chi cerca di corrompere.” (p. 104).

“La Riforma, di fatto, promuove il comportamento affrettato, slegato da considerazioni di carattere morale, per prendere decisioni, fare e decidere, tanto l’uomo è affetto dal peccato originale e la salvezza mediante le opere è (per Lutero) impossibile. In più l’uomo, essendo predestinato, arriva a concepire la ricchezza come un dono di Dio (per Calvino). Weber, in un colpo di genio, ha riconosciuto in questi due elementi la base del capitalismo tedesco, che non si pone problemi morali, lascia peccare e pentirsi: così Dio aiuta il tedesco a diventare ricco. Ora, Weber non aveva sufficiente conoscenza né di economia né di storia, e non immaginava che il capitalismo fosse già nato secoli prima in casa cattolica, né sapeva che le stessi leggi di economia moderna vi erano già state formulate tempo addietro. Ma con Weber si è riusciti a scrivere nella storia che il cattolicesimo non sa combinare nulla, e che per promuovere il progresso c’è voluta la Riforma protestante. È invece vero che il capitalismo egoistico che separa capitale e lavoro (quello che Marx ha condannato) nasce in quel momento, e cambia lo scenario di potere in Europa; ma questo non perché i protestanti fossero più geniali, bensì solo perché avevano deciso di peccare più che potevano, e pentirsi poi.” (pp. 249-250).

“Il modello protestante esportato poi negli Stati Uniti, e tradottosi in mille sette che competevano fra loro, ha concorso a esasperare il pensiero morale-economico americano, liberale, soggettivista, deista. Forse è da questo pensiero che deriva l’attitudine a sganciar bombe e missili, per poi pentirsi istituendo fondazioni dedicate a orfani e vedove. Probabilmente per tale motivo a Wall Street, da un po’ di tempo, si pensa che insider trading, speculazione, bolle, ecc. siano frutto di un cattivo modo di agire legato all’educazione protestante made in Usa. Le sette protestanti americane sono molto varie: i quaccheri sono “ragione e ispirazione” (Dio parla all’anima e l’uomo presta fede); i mormoni sono neorivelazionisti corretti; i metodisti traducono la religione in sentimentalismo naturalistico. Ecco dove nasce il filantropismo americano, quello delle fondazioni per vedove e orfani.” (p. 255).

All’altro estremo del protestantesimo (ma gli estremi si toccano) vi è la teoria eretica che nega l’esistenza del peccato e in particolare di quello originale. La natura umana sarebbe di per sé buona, secondo le farneticazioni di Jean-Jacques Rousseau. “Alcune eresie anticipano (...) vere e proprie rivoluzioni di pensiero e di fede; mal interpretando la Bibbia e scoprendo che Dio è ovunque, si diffonde il panteismo che a poco a poco porta l’uomo a idrolatrare l’ambiente in cui vive.” (p. 247). Peggio, se l’uomo è intrinsecamente buono, il male deriva dall’oppressione di qualcun altro: la porta è così spalancata all’odio di classe. Non per nulla Rousseau con la sua melensa idea di bontà universale ha aperto la strada al livido odio marxista.

Così il demonio, in molti modi e con attacchi da più lati, ha avuto un successo straordinario nel corrompere l’umanità, anzitutto con la superbia e poi con tutti gli altri vizi capitali. “È riuscito persino a convincere gli ambientalisti gnostici di essersi incarnato nella madre terra, sacralizzandola... È stato talmente bravo che ora si è messo persino in pensione, tanto che gli esorcisti non ci sono praticamente più, visto che l’inferno probabilmente non c’è (almeno nella prassi) e il demonio neppure (sempre nella prassi). E poiché l’uomo relativista vive di prassi e non di Dottrina, il “grande pensionato” è disoccupato: non c’è quasi più nessuno da corrompere. Anzi, pare che lo stesso “disoccupato” se ne stia lontano da taluni perché ne è invidioso, teme che gli portino via il posto e la pensione, tanto sono diventati bravi...” (p. 105). Come si vede, Ettore Gotti Tedeschi sa presentare anche i fatti più gravi con levità ironica che rendono così accattivanti e persuasivi i suoi libri.

Tuttavia, che la “disoccupazione” del grande nemico non sia una semplice battuta, lo dimostra l’Apocalisse e l’importante rivelazione privata alla grande veggente Maria Valtorta: il Giuda dei tempi ultimi aprirà il pozzo d’abisso (Apocalisse 9, 1-12). L’Anticristo sarà un astro di una sfera soprannaturale, il quale, cedendo alla lusinga del Nemico, conoscerà la superbia dopo l’umiltà, l’ateismo dopo la fede, la lussuria dopo la castità, la fame dell’oro dopo l’evangelica povertà, la sete degli onori dopo il nascondimento. Sarà “un astro” dell’esercito di Dio: un’espressione che sembra indicare un altissimo prelato della Chiesa.

“A premio della sua abiura, che scrollerà i cieli sotto un brivido di orrore e farà tremare le colonne della mia Chiesa – sono le parole dettate alla Valtorta dal Divino Maestro – nello sgomento che susciterà il suo precipitare, otterrà l’aiuto completo di Satana, il quale darà ad esso le chiavi del pozzo dell’abisso perché lo apra”. Ed ecco come il nemico si ritira “in pensione”.

Anche in questa sua esternazione, Ettore Gotti Tedeschi si rivela non è solo un uomo di vastissima cultura ma un vero sapiente, capace di illuminare le menti e le coscienze sui più cruciali problemi che assillano l’umanità. Tutte le sue opere andrebbero studiate non solo nelle università ma specialmente nei seminari, onde formare meglio i futuri pastori.

EMILIO BIAGINI


I TRIGOTTI

CHI SIAMO?
Ve lo diciamo in lingua matematica
t=b(1+1/2)=3m

E' necessaria una precisazione:
e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

 
I nostri articoli sono stati letti
volte
 
RICERCA

Per effettuare una ricerca interna al sito:

 
ULTIMO ARTICOLO
  • LA GRAMAGLIADE

    ovvero

    EPOPEA DI UNO SPIRITISTA NEMICO DI MARIA VALTORTA

     

    CAPITOLO QUARTO

    BESTEMMIE SUL GESÙ STORICO

    Terza puntata

    Arriviamo così a uno dei punti che più prudono al PAG: il vergognoso trattamento inflitto al “povero Giuda”, per il quale il tenero cuore del PAG sanguina profusamente per almeno una decina di pagine. Ecco infatti l’instabilità psichica della Valtorta che (p. 134) “si manifesta preferibilmente nei rapporti di Giuda con Gesù. Giuda è continuamente bistrattato (sic!) come serpe viscida e priva di coscienza, che va a donne e pensa solo ad un regno messianico terrestre e politico. Nei rari momenti in cui il traditore non dà fastidio al Maestro o ai compagni, Gesù, piagnucoloso e amoreggiante, diventa pure ossessivo e squilibrato, preoccupato solo di dimostrare di aver fatto tutto il possibile per salvarlo dalla dannazione eterna, benché quell’essere demoniaco fosse segnato già dal principio.”

    Infelice Giuda bistrattato e afflitto da un Gesù piagnucoloso, amoreggiante, ossessivo, squilibrato! E pensare che invece col PAG sarebbe andato così d’accordo!

    Povero Giuda, com’eri capitato male (pp. 134-135): “Ecco una scena tragicomica. Gesù prende Giuda fra le braccia, gli parla gota a gota presso l’orecchio, i capelli d’oro cupo del Maestro divino si mescolano ai pesanti ricci bruni di Giuda. Gli rivela che sta per morire martire per tutta l’umanità, gli piacerebbe (sic!) anzi patire tre volte per salvare il suo Giuda: ‘Ti amo, Giuda, tanto ti amo. E vorrei, vorrei darti Me stesso, farti Me stesso, per salvarti da te stesso.’ E Giuda consola il piangente Gesù, promettendo amore e vigilanza: ‘Mi basta che tu non abbia affanno per me. Sei contento? Un bacio, Maestro, un bacio per tua benedizione, e per tua protezione.” Purtroppo il bacio viene interrotto dai discepoli che portano formaggio fresco.”

    Sotto la penna brutale del PAG ogni episodio evangelico, avulso dal cotesto, deformato e ridotto a caricatura, diventa una oscenità il cui eroe, non a caso, è sempre Giuda.

    Gesù consola la madre di Giuda dell’imminente dolore e le promette un posto in cielo (L’Evangelo Cap. 395), e il partigiano cuneese di Giuda riattacca (p. 135): “La amabile scrittrice può così ritornare con il cuore sereno a torturare in modo disgustoso (sic!) e morboso (sic!) la figura del povero (sic!) Giuda! In un’altra scena veramente sadica (sic!) Giuda professa il suo amore e chiede un bacio al Maestro”.

    A questo punto il povero barbitonsore cominciò a chiedersi, con gli occhi fuori della testa: “Ma lo sa il PAG cosa vuol dire sadico?” Indubbiamente ha qualche lacuna nel vocabolario, così com’è estremamente povero di argomenti, noioso e ripetitivo nella sua sterile e controproducente polemica antivaltortiana.

    E la sarabanda farneticante continua ininterrotta. In una nota a p. 136 ecco la “ridicola e noiosa conversazione di Gesù con Giuda, che continua ad assicurargli di amarlo (…); altra scena da circo equestre (sic!) nella quale Giuda dopo aver rubato soldi dalle offerte fatte ai discepoli, partecipa al raduno dei nemici di Gesù, tutto piagnucoloso e incerto perché il Maestro gli penetra i pensieri, continua ad amarlo e non lo caccia dal gruppo degli apostoli.”

    Povero Giuda, oppresso e incompreso!

    “Inframmezzata a queste pagine, in una continua altalena di rimorsi e di perversione, la tortura sulla figura di Giuda si diverte di tanto in tanto a farlo piangere di dolore” (p. 137).

    Ecco di nuovo il povero piccolo, innocente Giuda, seviziato dalla sadica Valtorta!

    Infatti, l’illuminato PAG si degna di insegnarci (p. 138) che “la persona del traditore diventa così un puro e malsano gioco della Valtorta, incapace di trovare una soluzione meno infantile per presentare la sublimità del suo Gesù, tutto Pazienza e Amore, già da tempo a conoscenza che Giuda si è venduto al Sinedrio per tradirlo; tale quadro offre una cornice al desiderio morboso (sic!) di punzecchiare continuamente il discepolo maledetto, che osò tradire il ‘suo’ caro Gesù. Ecco perché si susseguono vari episodi nei quali la Valtorta tramite i suoi personaggi si diverte sadicamente (sic!) a far notare che Giuda ha sempre torto e sbaglia sempre, qualunque cosa faccia o dica; anche Gesù ad un certo punto rifiuta di lasciarsi abbracciare dal discepolo maledetto e spesso, quando lo vede, si mette a piangere. In un dettato Gesù-Valtorta (sic!) si sfoga in modo estremamente indecoroso contro quel serpe di Giuda che fa ribrezzo per il suo desiderio di denari, di donne e di prestigio umano.”

    Desiderio che evidentemente il PAG ritiene perfettamente comprensibile e legittimo in un discepolo di Gesù, e quindi in un prete. Superfluo ogni commento sul desiderio “sadico e morboso” (sic!) di “tormentare” il povero, calunniato Giuda Iscariota, che il PAG, nella sua delirante fabulazione parapsicologica, attribuisce alla Valtorta.

    Non solo, ma secondo l’illuminato PAG “il gusto malsano del demoniaco trova sempre modo di compiacersi” (ibid.).

    Ecco che, nella sua frenesia persecutoria contro il povero, piccolo, perseguitato Giuda, la veggente non si chiama neppure più Maria Valtorta ma si identifica col “gusto malsano del demoniaco” che l’illuminato studioso di spiritismo certo conosce molto bene.

    A questo punto, il povero figaro ha gettato la spugna e, dopo una mezz’ora trascorsa nel bagno a vomitare, mi ha chiamato al telefono dicendo che non si sentiva bene.

    – Le avrà fatto male qualcosa – gli ho detto cadendo nella più vieta banalità, ultima risorsa dei miei pochi neuroni superstiti.

    – Sì, m’ha quasi ammazzato quella specie di galleria della bestemmia travestita da libro. –

    – Ma come? Un autore così blasonato… –

    – A dottò, lassamo perde. A proposito, come va la barba? –

    – Ha smesso di crescere da quando mi sono messo a leggere libri gialli. –

    – Ottimo, continui a leggere quelli. Io studierò dove andare in vacanza per riprendermi. Intanto lascio il compito al mio assistente che ha seguito il mio lavoro finora. Stia bene, dottò. –

    E così di Giuda all’Ultima Cena ha dovuto occuparsi il povero aiuto-figaro, il quale ha affrontato il compito con tutto l’entusiasmo della giovinezza. Infatti lavora come aiuto barbiere solo per pagarsi gli studi in psichiatria, e, nella sua qualità di aspirante psichiatra (AP) ha subito detto che il caso gli sembrava di estremo interesse.

    Infatti (pp. 138-140), “terminata l’ultima cena [notare le minuscole, ha subito osservato l’AP: tanto era una cena qualunque inventata dalla nota sadica demente nelle sue fabulazioni in trance leggera], Gesù confida agli altri discepoli che Giuda è una incarnazione di Satana, un posseduto, anzi un ‘annullato in Satana’ (…) emergono in modo impressionante i vari squilibri psichici della Valtorta, soprattutto nel sadismo con cui ella rovescia su Giuda il bisogno di trovare un capro espiatorio, sul quale scaricare l’aggressività repressa, nella ripetizione morbosa del tic sessuale e nel parossismo paranoico vengono artificiosamente create situazioni e reazioni affettive intorno alle persona di Gesù. L’occasione è offerta da un incidente farsesco: Giovanni e Gesù scoprono Giuda mentre forza un cofano ferrato per rubare denaro. Il fattaccio è creato ad arte per poter poi sbrodolare intensi momenti intimi tra i due innamorati che si terranno abbracciati per consolarsi.

    Postilla dell’AP (aspirante psichiatra): parrebbe esservi qui un’ambiguità malsana, è lecito il dubbio che il paziente attribuisca alla Valtorta il tic sessuale di cui è lui stesso a soffrire.

    Continua il PAG a fabulare da par suo: “Giovanni reagisce come una suora che trova finalmente l’occasione per dimostrare alla superiora le sue tenerezze esclusive. (…) La scena che segue è di rara comicità, se non fosse che rivela l’animo malato della Valtorta. Gesù (…) si mette a gridare, lasciandosi sfuggire con mesi di anticipo notizie riservate sulla sua passione.

    Postilla dell’AP: la “p” minuscola segnala un tasso di devozione inferiore a quello di uno scimpanzé, e l’illuminato evoluzionista PAG certo non si offenderà del confronto. Speriamo che non si offendano gli scimpanzé. (…).

    Il PAG imperterrito prosegue: “Nella scena interferisce di tanto in tanto la Valtorta con commenti sempre più sadici (…). Di fronte a questo Giuda (…) pronto ad assalire come un cane feroce, Gesù si mette a parlare di donne e di sesso. Gli rinfaccia di essersi venduto a Satana e di averlo servito in tutte le tentazioni presentategli, gli rivela confidenze molto intime sul come egli riuscì invece sempre a superare il desiderio sessuale di giacere con donne (…) gli comunica che Dio è senza lussuria e che Lui, Figlio di Dio, patì le tentazioni oscene per dimostrare che anche l’uomo può essere senza lussuria, anzi si fa sempre più confidenziale con colui che proprio pochi minuti prima pareva una apparizione demoniaca.”

    Postilla dell’AP: il tentativo di salvare Giuda e la sacrosanta affermazione della purezza di Gesù, che tutti i suoi discepoli sono tenuti ad imitare, appaiono all’autore solo come qualcosa di farsesco. Si palesa quindi una grave anomia: il paziente appare del tutto fuori posto nel ruolo di prete che si ostina ad occupare.

    (continua)

    Leggi tutto...

 
 
 
© I TRIGOTTI
Tutti i diritti riservati - Informativa Cookies

Credits www.dpsonline.it